Daltonismo, lenti speciali per tornare a vedere bene il rosso e il verde, colori del Natale - EyesON
DIFETTI VISIVI

Daltonismo, lenti speciali per tornare a vedere bene il rosso e il verde, colori del Natale

[Fonte immagine: EnChroma]

Il daltonismo è un problema piuttosto diffuso: riguarda infatti un uomo su 12 e una donna su 200. Una persona con questa anomalia visiva non riesce a distinguere correttamente i colori.

Ciò non significa necessariamente vedere in bianco e nero, ma semplicemente vedere colori come rosso o verde in modo diverso e alterato. Questi ultimi proprio alcuni dei colori chiave del Natale. Una azienda californiana ha sviluppato una tecnologia per lenti oftalmiche in grado di correggere la visione dei colori delle persone affette da daltonismo. Le lenti riescono ad aumentare il contrasto della luce che entra all’interno degli occhi, correggendo i problemi visivi dei colori. Sono disponibili lenti sia per interno che per esterno, in base quindi alle diverse condizioni di illuminazione. Queste lenti separano la sovrapposizione dei fotopigmenti rossi e verdi, aiutando così a distinguere i colori in modo ottimale. Prodotte sia come filtro da sole che graduate, sono indicate per il daltonismo e la discromatopsia (difetto alla vista di alcuni colori). Prima di procedere all’acquisto di qualsiasi tipo di lente, è necessario effettuare il test dei colori di Ishihara, un test composto da varie tavole di colori, ognuna delle quali formata da cerchi di colori diversi che compongono solitamente dei numeri. Attraverso questo test è possibile comprendere se, e con quale grado, una persona è affetta da un’anomalia visiva.

Leggi anche

Troppo alcol e cibo durante le Feste, gli occhi sono da proteggere

Lo spiega il professor Gianluca Scuderi, Ordinario di Oftalmologia e Membro della Società Italiana di Nutraceutica

A stare più attenti devono essere coloro che hanno il diabete o altre patologie sistemiche

Anche Babbo Natale controlla gli occhi prima di partire per il suo lungo viaggio

Intervista semiseria con l’oculista Vittorio Picardo, Babbo Natale per un giorno

Con questo articolo inauguriamo il nostro speciale sul Natale, tutto da leggere!

La degenerazione maculare è legata ad alcune malattie cardiache

Lo rileva uno studio del Mount Sinai Hospital

I risultati potrebbero contribuire a migliorare lo screening per salvare la vista e prevenire eventi cardiovascolari avversi

Nel mondo 200 milioni di persone con degenerazione maculare, i nutraceutici utili specie nella forma ‘secca’

Ritardano l’insorgenza della maculopatia, ne rallentano la progressione e ne riducono gli effetti degenerativi di tipo funzionale

Fa il punto la Dottoressa Martina Maceroni, Fondazione Policlinico A. Gemelli di Roma

Danni alla retina evitabili controllando bene il diabete

Le indicazioni della Dr.ssa Monica Varano (Fondazione G.B. Bietti) in occasione della Giornata Mondiale del Diabete

Monitorare glicemia ed ipertensione contribuisce a rallentare l’insorgenza della retinopatia diabetica

Le cellule gangliari retiniche: note di istologia e valutazione tomografica

Le cellule gangliari retiniche costituiscono il punto di raccolta e passaggio del messaggio visivo

Glaucoma, il rischio aumenta se si sviluppano presto diabete o pressione alta

Diabete e pressione alta, specie se si manifestano in giovane età, possono essere campanelli d’allarme da non trascurare anche per la salute degli occhi

Uveite, una malattia complessa per cui è meglio preferire centri specializzati

L’intervento della Prof.ssa Elisabetta Miserocchi (Università Vita Salute, San Raffaele, Milano)

La diagnosi di uveite è estremamente complessa da fare

Proteggere gli occhi in vacanza

Le indicazioni del Prof. Vincenzo Orfeo (Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva – AICCER)

Come possiamo prenderci cura dei nostri occhi dall’acqua salata del mare o dall’esposizione prolungata al sole

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo