Bimbi e ragazzi: la vera ‘trappola’ delle vacanze di Natale sono i dispositivi elettronici - EyesON
OCCHIO SECCO

Bimbi e ragazzi: la vera ‘trappola’ delle vacanze di Natale sono i dispositivi elettronici

Le raccomandazioni del Professor Paolo Nucci (Università Statale di Milano)

Natale, tempo di vacanze e relax. Rispetto al passato i traumi agli occhi in casa che coinvolgono i bambini sono sempre meno frequenti, anche perché le precauzioni adottate in casa sono ormai diffuse. I maggiori rischi vengono dall’esterno. Una delle problematiche più pressanti che riguardano oggi i bambini e i ragazzi, che per diversi giorni restano a casa durante il periodo natalizio, è relativa invece al tempo trascorso sui dispositivi elettronici: basti pensare agli atteggiamenti compulsivi dei più piccoli lasciati da soli davanti al monitor di un televisore, ma anche di un tablet o telefonino, a giocare magari ad un videogioco, che li assorbe al punto da renderli poco interessati a tutto il resto. L’uso dei device, proprio per questo, andrebbe limitato al minimo.

Lo spiega il Professor Paolo Nucci, Ordinario di Oftalmologia dell’Università Statale di Milano ed esperto di Oftalmologia pediatrica. “Il rischio – spiega Nucci – è che il bambino si senta trascinato in questa realtà virtuale, e questo è per certi versi drammatico: in Italia ci sono oggi 10mila ragazzini che entrano nel Metaverso appena possono, si infilano le cuffie, si mettono di fronte a dei monitor enormi o indossano dei visori e vivono una vita che non è la loro. Uno dei rischi che spesso anche come medici riscontriamo è che questi bambini non riescano a socializzare o che, se lo fanno, questo avvenga in un mondo dove si creano una vita diversa”.

Oltre a questo, l’esperto sottolinea che trascorrere numerose ore davanti allo schermo di un computer influisce molto negativamente sul livello di qualità che offriamo al nostro sistema visivo. “In questo contesto – aggiunge Nucci – emerge poi un altro problema: quello del dry eye (occhio secco). Stiamo assistendo all’evidenza che i bambini oggi hanno più facilmente questo disturbo, finora legato piuttosto all’età anziana: questo anche perché si ammicca molto di meno quando si sta davanti allo schermo di un device”.

Secondo l’esperto, ai genitori “l’oculista deve segnalare che non è fisiologico che il bambino trascorra molte ore al giorno, anche per un rischio maggiore di miopia e di occhio secco. Occorre tenere presente – prosegue Nucci – che i bambini sotto i 4-5 anni ai videogiochi o al telefonino non dovrebbero stare. Oggi ci sono bimbi di 7-8 anni con un profilo Instagram, che vanno su Facebook, e questa è davvero un’aberrazione. Bisognerebbe evitare che ci sia qualsiasi tipo di interesse verso queste cose, perlomeno fino a una certa età”.  I bambini, in conclusionedovrebbero trascorrere all’aria aperta le stesse ore che dedicano allo studio o a giocare ai videogiochi. Se il bambino sta sei ore a scuola, è bene che stia almeno tre ore all’aria aperta. Se poi trascorre 40-60 minuti al giorno a giocare a un videogioco questo è accettabile, ma sempre rapportato alle ore trascorse fuori”.

Natale, tempo di vacanze e relax. Rispetto al passato i traumi agli occhi in casa che coinvolgono i bambini sono sempre meno frequenti, anche perché le precauzioni adottate in casa sono ormai diffuse. I maggiori rischi vengono dall’esterno. Una delle problematiche più pressanti che riguardano oggi i bambini e i ragazzi, che per diversi giorni restano a casa durante il periodo natalizio, è relativa invece al tempo trascorso sui dispositivi elettronici: basti pensare agli atteggiamenti compulsivi dei più piccoli lasciati da soli davanti al monitor di un televisore, ma anche di un tablet o telefonino, a giocare magari ad un videogioco, che li assorbe al punto da renderli poco interessati a tutto il resto. L’uso dei device, proprio per questo, andrebbe limitato al minimo.

Lo spiega il Professor Paolo Nucci, Ordinario di Oftalmologia dell’Università Statale di Milano ed esperto di Oftalmologia pediatrica. “Il rischio – spiega Nucci – è che il bambino si senta trascinato in questa realtà virtuale, e questo è per certi versi drammatico: in Italia ci sono oggi 10mila ragazzini che entrano nel Metaverso appena possono, si infilano le cuffie, si mettono di fronte a dei monitor enormi o indossano dei visori e vivono una vita che non è la loro. Uno dei rischi che spesso anche come medici riscontriamo è che questi bambini non riescano a socializzare o che, se lo fanno, questo avvenga in un mondo dove si creano una vita diversa”.

Oltre a questo, l’esperto sottolinea che trascorrere numerose ore davanti allo schermo di un computer influisce molto negativamente sul livello di qualità che offriamo al nostro sistema visivo. “In questo contesto – aggiunge Nucci – emerge poi un altro problema: quello del dry eye (occhio secco). Stiamo assistendo all’evidenza che i bambini oggi hanno più facilmente questo disturbo, finora legato piuttosto all’età anziana: questo anche perché si ammicca molto di meno quando si sta davanti allo schermo di un device”.

Secondo l’esperto, ai genitori “l’oculista deve segnalare che non è fisiologico che il bambino trascorra molte ore al giorno, anche per un rischio maggiore di miopia e di occhio secco. Occorre tenere presente – prosegue Nucci – che i bambini sotto i 4-5 anni ai videogiochi o al telefonino non dovrebbero stare. Oggi ci sono bimbi di 7-8 anni con un profilo Instagram, che vanno su Facebook, e questa è davvero un’aberrazione. Bisognerebbe evitare che ci sia qualsiasi tipo di interesse verso queste cose, perlomeno fino a una certa età”.  I bambini, in conclusionedovrebbero trascorrere all’aria aperta le stesse ore che dedicano allo studio o a giocare ai videogiochi. Se il bambino sta sei ore a scuola, è bene che stia almeno tre ore all’aria aperta. Se poi trascorre 40-60 minuti al giorno a giocare a un videogioco questo è accettabile, ma sempre rapportato alle ore trascorse fuori”.

Leggi anche

Glaucoma, prima dell’intervento la superficie oculare si protegge e idrata anche con i sostituti lacrimali

Lo spiega il Dottor Matteo Sacchi, del Comitato Scientifico di SIGLA, Società Italiana Glaucoma

Cura e passione per MIDO 2023, un evento che mette gli ottici al centro

Intervista a Giovanni Vitaloni, Presidente del più grande evento internazionale dedicato all’eyewear

La cinquantunesima edizione di MIDO Eyewear Show aprirà le sue porte sabato 4 febbraio a Fieramilano Rho

Fervono i preparativi per MIDO 2023

Più di mille espositori da ogni parte del mondo oltre a convegni, incontri ed eventi dal 4 al 6 febbraio

Anche EyesON presente presso l’Otticlub

I trend e le novità dell’eyewear in anteprima al MIDO

Dal 4 al 6 Febbraio in programma a Fieramilano la più grande manifestazione del settore

Il luogo ideale dove approfondire le novità e le tendenze nel settore eyewear

L’occhio secco mette a rischio la cornea

Uno studio sui topi identifica geni e proteine che potrebbero essere bersagli per la terapia

Le persone con una condizione nota come malattia dell'occhio secco hanno maggiori probabilità di quelle con occhi sani di subire lesioni alla cornea

Le risoluzioni per il Nuovo Anno, in cima la cura degli occhi

Ecco dei consigli utili che arrivano da ACE High-Quality Eye Care, organizzazione no-profit del Regno Unito

Anche Babbo Natale controlla gli occhi prima di partire per il suo lungo viaggio

Intervista semiseria con l’oculista Vittorio Picardo, Babbo Natale per un giorno

Con questo articolo inauguriamo il nostro speciale sul Natale, tutto da leggere!

Cinque tappe con oltre 1000 screening, con Vistatour la prevenzione arriva nelle scuole

La campagna di informazione “Occhio a Pinocchio”, partita ad ottobre in occasione della Giornata Mondiale della vista, proseguirà sino a Febbraio 2023

Ciglia finte, dietro lo sguardo magnetico che offrono si possono celare problemi per gli occhi

Lo spiega, in vista delle festività natalizie e di fine anno, la chirurga oculista cosmetica Elizabeth Hawkes, che opera nel Regno Unito

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo