L’occhio secco mette a rischio la cornea - EyesON
OCCHIO SECCO

L’occhio secco mette a rischio la cornea

Uno studio sui topi identifica geni e proteine che potrebbero essere bersagli per la terapia

Le persone con una condizione nota come malattia dell’occhio secco hanno maggiori probabilità di quelle con occhi sani di subire lesioni alla cornea.

Studiando i topi, i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno scoperto che le proteine prodotte dalle cellule staminali che rigenerano la cornea possono essere nuovi bersagli per il trattamento e la prevenzione di tali lesioni. I risultati della ricerca sono pubblicati su Proceedings of the National Academy of Sciences.

La malattia dell’occhio secco si verifica quando l’occhio non è in grado di fornire un’adeguata lubrificazione con lacrime naturali. Si possono utilizzare vari tipi di gocce per sostituire le lacrime naturali mancanti e mantenere gli occhi lubrificati, ma quando questi sono asciutti, la cornea è più suscettibile alle lesioni.

Per saperne di più:
Non solo spia del pianto, tutte le funzioni delle lacrime

“Abbiamo farmaci – evidenzia il ricercatore senior Rajendra S. Apte – che funzionano bene solo in circa il 10-15% dei pazientiIn questo studio abbiamo identificato potenziali bersagli per il trattamento che appaiono diversi in caso di occhio secco rispetto ad un occhio sano. Decine di milioni di persone in tutto il mondo soffrono di dolore agli occhi e visione offuscata a causa di complicazioni e lesioni associate alla malattia dell’occhio secco, e prendendo di mira queste proteine, potremmo essere in grado di trattare con maggior successo o addirittura prevenire quelle lesioni”.

I ricercatori hanno analizzato i geni espressi dalla cornea in diversi modelli murini, non solo della malattia dell’occhio secco, ma anche del diabete e di altre condizioni. Hanno scoperto che nei topi con malattia dell’occhio secco, la cornea ha attivato l’espressione del gene SPARC. Hanno anche scoperto che livelli più elevati di proteina SPARC erano associati a una migliore guarigione.

“Abbiamo condotto il sequenziamento dell’RNA a cellula singola – aggiunge il primo autore della ricerca Joseph B. Lin – per identificare i geni importanti per mantenere la salute della cornea e riteniamo che alcuni di essi, in particolare SPARC, possano fornire potenziali bersagli terapeutici per il trattamento della malattia dell’occhio secco e delle lesioni corneali”.

“Queste cellule staminali – conclude Apte – sono importanti e resistenti. Se le proteine che abbiamo identificato non funzionano come terapie per attivare queste cellule nelle persone con sindrome dell’occhio secco, potremmo persino essere in grado di trapiantare cellule staminali limbari ingegnerizzate per prevenire lesioni corneali nei pazienti con secchezza oculare”.

Credits foto: APTE LAB

Leggi anche

L’obesità è legata a un maggior rischio di degenerazione maculare

Lo rivela una ricerca pubblicata su Science

L'obesità ha effetti sulle cellule immunitarie, rendendole più suscettibili alla produzione di molecole infiammatorie

Bimbi e ragazzi: la vera ‘trappola’ delle vacanze di Natale sono i dispositivi elettronici

Le raccomandazioni del Professor Paolo Nucci (Università Statale di Milano)

Stare molte ore davanti a uno schermo influisce negativamente sul nostro sistema visivo

Cornea, a Bologna eseguito con successo il primo trapianto con protesi endoteliale artificiale

Ad eseguirlo il Prof. Luigi Fontana, Direttore di Oftalmologia del Policlinico Sant’Orsola e Segretario Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare

Da zero a sei decimi di vista con un intervento di mezz’ora: la storia di una paziente di 76 anni, che torna a vedere da un occhio dopo 5 anni di cecità

Glaucoma, smettere di fumare sul lungo termine riduce il rischio di danni

Lo dimostra una ricerca pubblicata sul Journal of Glaucoma

Smettere di fumare tempestivamente riduce i rischi di progressione dei danni al campo visivo

Cheratocono, occorre sensibilizzare sulla malattia

5 domande e risposte con la Dottoressa Rossella Colabelli Gisoldi (AO S. Giovanni Addolorata, Roma)

Sensibilizzare sul cheratocono, aumentando la consapevolezza su questa malattia, una patologia degenerativa della cornea che ne cambia la forma stessa, comportando gravi problemi di vista

Glaucoma, neuroprotezione e neuroenhancement-multifattorialità

L'efficacia di più sostanze per rallentare diversi meccanismi della cascata neurodegenerativa.
Intervista al Professor Ciro Costagliola (Università degli Studi di Napoli "Federico II")

Un sonno di scarsa qualità aumenta il rischio di glaucoma

Lo rileva una ricerca guidata dal Beijing Huimin Hospital, in Cina, pubblicata sulla rivista scientifica Bmj Open

Per il glaucoma (e non solo) meglio colliri senza conservanti, più tollerati, ma con uguale efficacia farmacologica

A fare il punto sui colliri è il Dottor Luigi Varano, della Struttura complessa di Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

Occhi affaticati, la regola del 20-20-20 funziona davvero

Uno studio della Aston University (UK) lo conferma

Alcune semplici istruzioni per alleviare l'affaticamento degli occhi mentre si lavora davanti allo schermo di un pc

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo