Nel mondo 200 milioni di persone con degenerazione maculare, i nutraceutici utili specie nella forma ‘secca’

Una adeguata supplementazione ritarda l’insorgenza della maculopatia, ne rallenta la progressione e ne riduce gli effetti degenerativi di tipo funzionale

 

Sono 200 milioni le persone, nel mondo, affette da degenerazione maculare legata all’età e nel 2040 è previsto quasi un raddoppio. Specie nella forma cosiddetta ‘secca’ riveste grande importante la supplementazione con i nutraceutici. Lo evidenzia la Dottoressa Martina Maceroni, UOC di Oculistica della Fondazione Policlinico A. Gemelli – Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, che EyesON ha intervistato in occasione del Congresso Nutraceutica e Occhio a Roma.

Utilizzare antiossidanti nella forma di integratori alimentari può aiutare a ridurre lo stress ossidativo della retina, che è tra le cause, se non quella principale, di questa patologia. Le evidenze scientifiche suggeriscono che i nutraceutici hanno un ruolo nel ritardare l’insorgenza della maculopatia, rallentarne la progressione e ridurne gli effetti degenerativi di tipo funzionale.

Spread the love

dovresti vedere

Chirurgia della cataratta, verso un futuro di lenti ibride.

Approfondimento del Prof. Scipione Rossi, Responsabile Editoriale Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva

Banca degli Occhi del Veneto

Punto di riferimento per donazione, trapianto e ricerca sulle patologie oculari