FAQ - Miopia - EyesON
DIFETTI VISIVI

FAQ – Miopia

La miopia è un difetto di vista importante?

Sì perché, oltre ad essere un difetto di vista, di solito produce anche delle alterazioni a livello retinico, con conseguenze più o meno importanti. Quindi, la persona miope, che sia un bambino, un giovane o una persona adulta, deve fare controlli periodici e regolari del suo difetto di vista e dello stato di salute della sua retina.

Come si corregge la miopia?

Gli occhiali sono il sistema più semplice e diffuso per correggere la miopia, applicando lenti cosiddette negative alla montatura prescelta.
Molte volte, la moda e le tendenze del momento produrranno opzioni di montature più o meno fantasiose. L’importante sarà scegliere quella più adatta al viso del paziente e applicare su di essa le lenti della gradazione corretta. Gli occhiali sono ormai  diventati un oggetto di moda e fantasia creativa.
Le lenti a contatto sono un altro sistema ottico nel quale, in fondo, l’occhiale è spostato direttamente sul piano della  cornea. Hanno particolari indicazioni oppure possono essere proposte dal paziente stesso che dovrà far valutare il suo occhio al Medico Oculista e al contattologo per effettuare la corretta scelta del prodotto.

Quali sono le tecniche laser utilizzate per correggere la miopia e quando devono essere utilizzate?

Esistono ormai da molti anni tecniche laser che si sono evolute e perfezionate, sia per l’aspetto puramente chirurgico che per l’aspetto tecnologico.
Le tecniche più utilizzate sono PRK, Lasik, I Lasik, Smile, tutte procedure che necessitano sempre di una accurata visita oculistica e di una serie di esami strumentali che confermino l’idoneità del paziente ad uno di questi trattamenti.
Ormai abbandonata, invece, la chirurgia incisionale della cornea.

L’intervento Laser corregge sempre la miopia?

I trattamenti laser per la miopia correggono completamente tutto il difetto di vista che il paziente ha, salvo diverse indicazioni e scelte proposte dal Medico Oculista

Qual è l’età migliore per fare l’intervento laser?

Non esiste un’età in senso numerico, 20 anni, 30 anni, ….
Bisogna valutare invece che la miopia del paziente non si modifichi per almeno 2-3 anni e solo allora il proprio Oculista potrà, con una certa serenità, proporre il trattamento laser.

I due occhi si possono operare insieme?

In linea di massima, la maggior parte dei chirurghi effettua l’intervento in entrambi gli occhi nella stessa seduta. Ci sono alcuni Oculisti che preferiscono trattare un occhio per volta, a distanza di 48 ore o più, per valutare al meglio i risultati del primo occhio.

L’intervento laser è doloroso?

No, il paziente avverte, più o meno con tutte le tecniche, una sensazione di sabbiolina nell’occhio, facilmente attutita dall’uso della medicazione post operatoria.

Dopo l’intervento laser, quanti giorni devono passare per tornare a lavoro e/o svolgere attività sportiva?

Basterebbero 3-4 giorni, ricordandosi comunque che sono stati operati entrambi gli occhi generalmente.
In ogni caso, una settimana di tempo diventa un periodo ancora più di sicurezza.

Cosa succede dopo 15/20 anni dall’intervento?

Potrebbe non succedere nulla, perché il trattamento è ancora funzionante. Qualche volta si possono avere piccoli ritorni di miopia, ma ci sono varie causa che possono giustificare questa apparente perdita di validità del trattamento.

È consigliabile l’intervento dopo i 50 anni?

Generalmente no. È più logico pensare a chirurgia sul cristallino.

Dopo l’intervento laser a che età si diventa presbite?

La presbiopia è il difetto di vista caratteristico delle persone dopo i 40 anni, quindi anche un paziente miope, che ha risolto la sua miopia con la chirurgia laser, sarà presbite dopo i 40 anni.

Quanto costa l’intervento laser?

Il prezzo del trattamento è assolutamente variabile, ma influenzato dalla tecnologia laser utilizzata, dal fatto di eseguire uno o due occhi contemporaneamente, dall’onorario del chirurgo.

Quando è opportuno evitare l’intervento laser?

Vi sono una serie di malattie oculari, sia legate alla miopia sia di altra natura, che controindicano il trattamento laser della miopia. L’Oculista saprà rispondere caso per caso.

Quali sono le controindicazioni assolute o relativi all’intervento di correzione della miopia?

Come già spiegato nella risposta precedente è fondamentale la valutazione dell’Oculista.
In ogni caso, un pregresso intervento di distacco di retina in quell’occhio o nel controlaterale, una maculopatia, il glaucoma, … sono alcune delle controindicazioni.

[a cura di: Dr. Vittorio Picardo – EyesON]

Leggi anche

Giornata mondiale della Prematurità: la ROP (retinopatia del prematuro), dalla diagnosi alle armi per trattarla

Intervista al Prof. Domenico Lepore (Policlinico Gemelli di Roma, Presidente del Gruppo ROP)

La ROP, retinopatia del prematuro, è la causa di cecità più frequente in età infantile

Cheratocono, occorre sensibilizzare sulla malattia

5 domande e risposte con la Dottoressa Rossella Colabelli Gisoldi (AO S. Giovanni Addolorata, Roma)

Sensibilizzare sul cheratocono, aumentando la consapevolezza su questa malattia, una patologia degenerativa della cornea che ne cambia la forma stessa, comportando gravi problemi di vista

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

Rientro a scuola: come proteggere gli occhi davanti al pc

La distanza e la posizione dello schermo sono importanti

La prevenzione non va in vacanza

La campagna di IAPB Italia onlus per proteggere gli occhi al mare e in montagna

Mare o montagna, proteggi i tuoi occhi e goditi i più bei panorami dell’estate

Chirurgia del glaucoma vs della cataratta

Il confronto tra gli esperti Carlo Cagini (Università di Perugia) e Vittorio Picardo (Coordinatore Scientifico di EyesON)

Non è una sfida tra le due in cui una esclude l’altra

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Chirurgia refrattiva, lo scopo è raggiungere l’autonomia visiva

Intervista al Prof. Giovanni Alessio, Vice Presidente vicario dell’Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva (AICCER)

La chirurgia refrattiva ha come scopo quello di correggere i difetti di vista, qualcosa che è molto più complesso di ciò che si potrebbe aspettare

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo