Perchè tutti dovrebbero dire di sì alla donazione delle cornee per i trapianti - EyesON
MALATTIE DELLA CORNEA

Perchè tutti dovrebbero dire di sì alla donazione delle cornee per i trapianti

L’intervento del Vicepresidente della Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare, Prof. Severino Fruscella

A differenza di altri organi come il cuore, in cui il prelievo avviene quando è ancora pulsante, pur in presenza di morte cerebrale, la cornea viene prelevata dopo il decesso, anche diverse ore dopo, perché è un tessuto che si conserva.

Un primo ostacolo, relativo alla preoccupazione circa il momento del prelievo, si può dunque superare spiegando questo aspetto ai familiari per sensibilizzarli alla donazione.
Per quanto riguarda il prelievo va precisato poi che non si preleva tutto l’occhio ma un tessuto molto piccolo di cornea. Anche dal punto di vista dell’invasività della procedura, è quindi molto minima.

Lo sottolinea il Prof. Severino Fruscella, Vicepresidente SITRAC, Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare.

Altro elemento da valorizzare è che la donazione consente a una persona di vedere e la vista è il più importante tra i 5 sensi. La donazione delle cornee, poi, è assolutamente gratuita e non vi sono interessi commerciali dietro.

Leggi anche

Chirurgia della cornea, si può trattare anche in ambulatorio

Il Prof. Alfonso Iovieno illustra quali patologie corneali si possono curare in anestesia locale

Certamente non tutta la chirurgia della cornea, ma una parte delle patologie corneali meno severe possono essere trattate con la chirurgia ambulatoriale

Banche degli occhi, in 30 anni è cambiato tutto (in meglio)

Intervista a Diego Ponzin, Direttore Medico Fondazione Banca degli Occhi Veneto e neo Presidente della Società Italiana Banche degli Occhi

Un cambiamento radicale negli ultimi 30 anni. È quello avvenuto con le Banche degli occhi, realtà molto importanti nel nostro Paese

Trapianto di cornea, l’innovazione passa per l’eye banking

Rinnovati i vertici SIBO: Diego Ponzin nuovo presidente della Società Italiana Banche degli Occhi

Il lavoro della banca degli occhi si è completamente rinnovato: l’operatore di eye banking è in prima linea nella rivoluzione delle tecniche del trapianto di cornea

Trapianto di cornea, da una soluzione unica a una selettiva e ‘personalizzata’

Intervista al Prof. Massimo Busin (Università di Ferrara)

Negli ultimi 20 anni si sono sviluppate tecniche di cheratoplastica selettiva, per cui della cornea si sostituisce solo la parte malata

Cornea, trapiantando solo la parte malata meno rigetti e complicanze

I trapianti lamellari rappresentano la principale innovazione

Le Banche degli Occhi: donare per ricevere

Intervista doppia alla Dott.ssa Paola Bonci (Banca degli Occhi Emilia Romagna) ed alla Dott.ssa Rossella Colabelli Gisoldi (Banca degli Occhi Lazio)

Le Banche degli Occhi nascono con la finalità di raccogliere, processare, conservare e distribuire i tessuti oculari a scopo di trapianto

La pandemia ha messo a dura prova il sistema delle Banche degli occhi

La Dott.ssa Paola Bonci, responsabile Banca delle Cornee dell’Emilia Romagna: “Serve campagna di sensibilizzazione sulle donazioni”

Dal pre Covid al post Covid il calo delle donazioni è stato quantificato nel 30%

Tecnica SMILE, i difetti di vista si correggono con un “bisturi-luce”

Per il trattamento dei difetti di vista vi sono oggi laser che lavorano nello spessore della cornea

La cataratta si può operare anche con il laser

Fa il punto il Prof. Leonardo Mastropasqua, Presidente della Società Italiana Trapianto di Cornea

Alla domanda gli specialisti rispondono che è anche utilizzata questa metodica

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo