Banche degli occhi, in 30 anni è cambiato tutto (in meglio)

Intervista a Diego Ponzin, Direttore Medico Fondazione Banca degli Occhi Veneto e neo Presidente della Società Italiana Banche degli Occhi

 

Un cambiamento radicale negli ultimi 30 anni. È quello avvenuto con le Banche degli Occhi, realtà molto importanti nel nostro Paese.

Si dice fortunato Diego Ponzin, Direttore Medico Fondazione Banca degli Occhi del Veneto Onlus (FBOV) e neo Presidente della Società Italiana Banche degli Occhi (SIBO), per aver assistito alla nascita del progetto della Banca degli occhi “quando la situazione nel Paese era assolutamente ancora primitiva”, ed a tutta la sua successiva evoluzione. Dal punto di vista legislativo ciò che le Banche degli occhi facevano non era descritto in nessuna norma. “Ogni donazione era un’esperienza a sè ed un rischio a sé – aggiunge Ponzin.

Pochi pionieri, come il Prof. Giovanni Rama, hanno avuto la temerarietà di portare a termine l’iniziativa. Oggi è tutto cambiato: ci sono leggi, autorità di riferimento e vi sono basi solide su cui le Banche degli occhi fanno il loro lavoro”.

Spread the love

dovresti vedere

Retina, identificato un nuovo tipo di neuroni

Sono le cellule Campana, per la caratteristica forma a campanella

Covid: il trapianto di cornea è sicuro, anche grazie alle Banche degli Occhi

Interviene il Vice Presidente della Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare Severino Fruscella

Un esame della vista per controllare anche il cuore

Retina possibile spia di problemi cardiovascolari