Maculopatia, primo impianto di retina artificiale in Italia - EyesON
MALATTIE DELLA RETINA

Maculopatia, primo impianto di retina artificiale in Italia

Ecco come funziona questo intervento straordinario

Una retina artificiale per la maculopatia degenerativa. Un intervento di straordinaria importanza, a cui ne è seguito un secondo, eseguito dal consorzio Tor Vergata – San Giovanni Addolorata di Roma, di cui illustra i dettagli ad EyesON il Dottor Marco Andrea Pileri, che oltre ad essere responsabile della U.O.S.D. di Chururgia della Retina all’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma è anche Presidente del Givre, Gruppo italiano di chirurgia vitreoretinica.

Il paziente era affetto da maculopatia senile a carta geografica, una forma che determina un grosso deficit funzionale visivo centrale. L’intervento consiste nell’introduzione, al di sotto del piano retinico, di un microchip fotovoltaico wireless, in grado di sostituire i fotorecettori.

L’intervento è nell’ambito di uno studio multicentrico che coinvolge Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Stati Uniti e Italia.

Nell’ambito del consorzio italiano, l’Università di Tor Vergata si occupa del reclutamento dei pazienti e della fase post operatoria, cioè della riabilitazione visiva dei pazienti, mentre l’ospedale San Giovanni Addolorata dell’operazione.

L’intervento non è particolarmente complesso e può essere fatto anche in anestesia locale. Tra i criteri di inclusione troviamo: avere un’età superiore ai 65 anni, avere effettuato un precedente intervento di cataratta, essere affetti da maculopatia senile a carta geografica bilaterale con deficit visivo molto importante (fino alla cecità a livello centrale) e non avere altre patologie concomitanti come glaucoma o retinopatia diabetica.

I risultati non si vedono in maniera immediata, ma in altri Paesi, dove lo studio è stato avviato prima, i risultati sono confortanti: pazienti con cecità centrale assoluta riescono attualmente a leggere qualche lettera singola di una parola, che componendola fa loro leggere l’intera parola. La retina artificiale è wireless e il paziente deve indossare degli occhiali che percepiscono l’immagine e la traducono a un computer tascabile. La stessa immagine viene poi rinviata all’occhiale; una telecamera interna a infrarossi manda un segnale al microchip impiantato, e da lì inizia il percorso elettronico, che attiva le varie strutture della retina sana residua, per arrivare poi al nervo ottico e all’aria occipitale visiva, che infine traduce l’immagine e permette di sviluppare la funzionalità visiva

La protesi retinica è autosufficiente dal punto di vista energetico: la luce ricarica direttamente il chip.

Leggi anche

Degenerazione maculare, l’età più a rischio è dopo i 70 anni

Maria Cristina Savastano (Policlinico Gemelli di Roma): “Servono controlli abituali per chi ha familiarità”

Una retina artificiale per la maculopatia degenerativa

La parola al Dott. Marco Andrea Pileri, che ha eseguito l’intervento

Impiantata per la prima volta in Italia una retina artificiale ad un paziente affetto da degenerazione maculare senile

Ricostituito il Comitato Tecnico Nazionale per la Prevenzione della Cecità e dell’Ipovisione

La ricostituzione del Comitato conferma che le attività di Prevenzione della Cecità e dell’Ipovisione sono motivo di attenzione particolare dell’attività di Governo

Il glaucoma non compromette la funzione cognitiva

Una ricerca americana ha stabilito che qualsiasi associazione tra le due potrebbe essere debole o del tutto assente

Perlomeno fino al punto in cui la malattia non compromette in maniera molto importante la vista

È sempre più ‘epide-miopia’ tra i bambini

Complici gli stili di vita, la vista dei giovanissimi è a rischio

La miopia è sempre più diffusa tra bambini e adolescenti, al punto che si parla di "epide-miopia"

Donare la propria voce per un Audiolibro

Al Salone del Libro di Torino l’iniziativa dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI)

L’invito a donare la propria voce per degli audiolibri, per regalare il piacere della lettura a chi non vede

Malattie retiniche: torna “Vista In Salute”, la Campagna dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità (IAPB Italia Onlus)

A Maggio tappa in Sardegna e Liguria

Un tir hi-tech dotato di quattro ambulatori, in cui saranno effettuati controlli gratuiti su glaucoma, retinopatia diabetica, maculopatie

Sensibilizzare i giovani sulla disabilità visiva: a Milano un laboratorio multisensoriale per mettersi nei panni dei non vedenti

Un modo concreto per interpretare la Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità

Il canestro di Jules, una ragazza non vedente, fa esplodere di gioia l’intera palestra e diventa virale

Jules Hoogland, studentessa non vedente di 17 anni, ha fatto esplodere un’intera palestra con le sue abilità nel basket

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo