Con il rientro a scuola tanto tempo al pc, mai troppo vicini e serve la giusta luce - EyesON
DIFETTI VISIVI

Rientro a scuola: come proteggere gli occhi davanti al pc

Con la ripresa della scuola o dell’università, molti studenti trascorreranno necessariamente lunghi periodi di tempo davanti ai computer. Il modo in cui si siedono, la distanza e la posizione del computer sono molto importanti.
Lo sottolineano in un articolo gli esperti della Kaiser Permanente, il volto buono della sanità americana, un’organizzazione sanitaria con sede in Sud California, nota per la capacità di erogare servizi sanitari ad elevata qualità, per l’indiscussa priorità assegnata alle cure primarie, per la capacità di innovazione.

Le posizioni giuste per stare al pc e proteggere gli occhi

Il gruppo di ricerca suggerisce che lo schermo del computer sia posizionato in modo che la parte superiore del monitor si trovi all’altezza, o appena al di sotto, degli occhi, ad una distanza da chi lo utilizza idealmente di un braccio, vale a dire circa 60 centimetri. Inoltre, il monitor non deve essere posizionato ad angolo, in modo da non dover inclinare o girare la testa per visualizzare lo schermo.

Anche una corretta illuminazione è fondamentale. La dottoressa Diana Shiba, oculista della Kaiser Permanente, spiega che la luce fioca rende difficile la messa a fuoco e può causare affaticamento degli occhi, specie se l’impegno applicativo è prolungato. D’altro canto, troppa luce può causare affaticamento degli occhi.

L’importanza delle visite oculistiche

Un ulteriore suggerimento che si ricava dalle attività di ricerca degli esperti della Kaiser Permanente è di sottoporsi a controlli oculistici regolari, sia che non si utilizzino occhiali correttivi, sia ed a maggior ragione quando la persona necessiti di occhiali o lenti a contatto. È importante quindi, all’inizio dell’anno scolastico ad esempio, far controllare gli occhi dei propri figli per i suggerimenti terapeutici del caso.

Molto spesso in questa occasione i genitori domandano se può aver senso adoperare occhiali con filtro per la luce blu. L’esperta specifica che l’American Academy of Ophthalmology non li raccomanda espressamente, a causa della mancanza di prove scientifiche evidenti che la luce blu danneggi gli occhi.
Tuttavia, in generale non è dannoso fornirsi di questo filtro e, pertanto, non è controindicato proseguire l’uso di tali lenti per coloro che dovessero già farne uso. È anzi opportuno ricordare che la luce blu potrebbe avere un effetto dannoso su un’altra area vitale della salute: il sonno.

Leggi anche

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

La prevenzione non va in vacanza

La campagna di IAPB Italia onlus per proteggere gli occhi al mare e in montagna

Mare o montagna, proteggi i tuoi occhi e goditi i più bei panorami dell’estate

Chirurgia refrattiva, lo scopo è raggiungere l’autonomia visiva

Intervista al Prof. Giovanni Alessio, Vice Presidente vicario dell’Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva (AICCER)

La chirurgia refrattiva ha come scopo quello di correggere i difetti di vista, qualcosa che è molto più complesso di ciò che si potrebbe aspettare

Malattie degli occhi nei neonati e bimbi piccoli, il percorso a tappe della prevenzione

Il Prof. Giorgio Marchini (Università di Verona): “Servono centri dedicati e controlli oltre che alla nascita a 2-3 anni”

Il mio bambino sarà in salute? È questa la domanda che ogni futuro genitore si pone al momento dell’approssimarsi della nascita del figlio

Proteggere gli occhi in vacanza

Le indicazioni del Prof. Vincenzo Orfeo (Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva – AICCER)

Come possiamo prenderci cura dei nostri occhi dall’acqua salata del mare o dall’esposizione prolungata al sole

Sequential customized therapeutic keratectomy

Un nuovo approccio per ottimizzare la chirurgia della cataratta

La SCTK è una recente evoluzione della PTK. Utilizza un approccio transepiteliale e personalizzato sul paziente per trattare aberrazioni corneali di alto ordine

Le lenti Camellens, una piattaforma al servizio del paziente

Si tratta di un prodotto di nicchia, che potrebbe creare apparentemente problemi, ma che può invece risolverli se adoperata bene

TFOS, un punto di riferimento per gli specialisti anche durante la pandemia

Intervista ad Amy Gallant Sullivan, Direttore Esecutivo della Tear Film & Ocular Surface Society, su obiettivi e contenuti del prossimo Workshop in programma a Taormina (ME)

TFOS è leader mondiale nella ricerca e nell’istruzione in materia di salute degli occhi e lavora insieme ai professionisti sanitari di tutto il mondo

Maculopatia miopica trattiva. Passato e futuro. Nuova stadiazione e proposte di management

La maculopatia miopica trattiva (MTM) è costituita da un ampio spettro di quadri clinici che possono interessare fino al 30% degli occhi con miopia patologica (MP)

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo