Il nervo ottico, una finestra sul cervello - EyesON
DIFETTI VISIVI

Il nervo ottico, una finestra sul cervello

A Roma il Congresso Neuro-Roma 2022

La Neuroftalmologia è una branca che si occupa dei disturbi neurologici della visione.

In particolare, il nervo ottico è la parte più anteriore del cervello e rappresenta per gli esperti una finestra sull’attività cerebrale. Attraverso il suo studio con nuove metodiche di immagine è possibile fare diagnosi precoce di molte malattie neurologiche: malattia di Parkinson, Alzheimer, sclerosi multipla.

A focalizzarsi su questo è l’evento Neuro-Roma 2022, in corso a Roma.

“Oggi – spiega il Dottor Federico Sadun, Dirigente medico dell’Ospedale Oftalmico di Roma – non solo per la diagnosi, ma per la verifica dell’efficacia della terapia, il suo studio tramite una metodica di indagine definita OCT (Tomografia ottica computerizzata) è inserito in tutti i trials farmacologici per il trattamento di queste patologie.

“Le patologie del nervo ottico – specifica Sadun – possono interessare tutte le fasce di età: alcune, ereditarie, si manifestano in età adolescenziale ed è possibile fare delle innovative terapie geniche. Anche nell’anziano si possono avere patologie ischemiche del nervo ottico, che son frequenti e anche estremamente invalidanti. La diagnosi precoce e un trattamento farmacologico aggressivo sono la chiave”.

Per quanto riguarda il Covid, invece – prosegue Sadun – “è dimostrato che c’è un selettivo tropismo, una reazione di orientamento, del virus nei confronti del sistema nervoso centrale e del nervo ottico, che può essere interessato con forme principalmente di tipo autoimmune, in cui si scatenano reazioni che vanno ad interessare varie parti del cervello e quindi il nervo ottico stesso. Inoltre, il virus si è dimostrato in grado di indurre uno stato di iper – aumento della velocità di coagulazione, e quindi si correla con malattie di tipo ischemico, che possono interessare anche il nervo ottico”.

Leggi anche

Glaucoma, neuroprotezione e neuroenhancement-multifattorialità

L'efficacia di più sostanze per rallentare diversi meccanismi della cascata neurodegenerativa.
Intervista al Professor Ciro Costagliola (Università degli Studi di Napoli "Federico II")

Degenerazione maculare, l’età più a rischio è dopo i 70 anni

Maria Cristina Savastano (Policlinico Gemelli di Roma): “Servono controlli abituali per chi ha familiarità”

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

Glaucoma, il rischio aumenta se si sviluppano presto diabete o pressione alta

Diabete e pressione alta, specie se si manifestano in giovane età, possono essere campanelli d’allarme da non trascurare anche per la salute degli occhi

TFOS, un punto di riferimento per gli specialisti anche durante la pandemia

Intervista ad Amy Gallant Sullivan, Direttore Esecutivo della Tear Film & Ocular Surface Society, su obiettivi e contenuti del prossimo Workshop in programma a Taormina (ME)

TFOS è leader mondiale nella ricerca e nell’istruzione in materia di salute degli occhi e lavora insieme ai professionisti sanitari di tutto il mondo

Dinamico e smart, a Napoli il Congresso della Società Italiana Glaucoma (S.I.GLA.)

Costagliola e Zeppa: Le ultime novità in campo scientifico discusse dai principali specialisti di glaucoma in Italia

Il Congresso verterà su due macro aree: chirurgia e prechirurgia

Malattie retiniche: torna “Vista In Salute”, la Campagna dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità (IAPB Italia Onlus)

A Maggio tappa in Sardegna e Liguria

Un tir hi-tech dotato di quattro ambulatori, in cui saranno effettuati controlli gratuiti su glaucoma, retinopatia diabetica, maculopatie

Le Banche degli Occhi: donare per ricevere

Intervista doppia alla Dott.ssa Paola Bonci (Banca degli Occhi Emilia Romagna) ed alla Dott.ssa Rossella Colabelli Gisoldi (Banca degli Occhi Lazio)

Le Banche degli Occhi nascono con la finalità di raccogliere, processare, conservare e distribuire i tessuti oculari a scopo di trapianto

Bambini e occhi: quando effettuare la prima visita oculistica

Il Prof. Luca Buzzonetti (Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Roma): “La diagnosi precoce è importantissima, sia per correggere i difetti della vista che per la cura delle patologie congenite”

Qual è l’età giusta per la prima visita oculistica di un bambino?

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo