L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro - EyesON
CATARATTA

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

Ogni anno vengono eseguiti in Italia oltre 650.000 interventi di cataratta. Questo tipo di chirurgia è considerata una delle più sicure al mondo e le tecniche attuali, per lo più mininvasive, hanno ridotto significativamente i rischi.

Se la cataratta viene operata al momento giusto la percentuale di rischio è inferiore al 3%.
Al contrario, se viene operata tardi il tasso di complicanze può salire al 33%.

Ad affermarlo, e a fare il punto, in occasione della Giornata internazionale delle persone anziane è la Dottoressa Maria Trinchi, Chirurgo Oculista presso l’Ospedale San Carlo di Nancy di Roma.

Il recupero post-intervento è rapido. “La visione – specifica l’esperta – si riacquista rapidamente e progressivamente fin dal primo giorno, raggiungendo la stabilità dopo circa 1 settimana. Per alcuni giorni, dopo l’operazione, è normale sentire una sensazione di corpo estraneo, palpebre pesanti e talvolta un leggero rossore e lacrimazione. Si tratta di sintomi transitori che regrediscono con l’instillazione per un breve periodo di colliri specifici.

“La scelta della lente intraoculare più idonea da impiantare – osserva la Dottoressa Trinchi – è importante per il successo funzionale dell’intervento di cataratta, e per la conseguente soddisfazione del paziente. Quando ci si sottopone ad un intervento di cataratta viene infatti impiantata, in sostituzione del cristallino naturale opacizzato, una lente intraoculare (IOL) in grado di correggere, oltre alla cataratta, anche altri difetti visivi”.

“Esiste una variegata gamma di IOL, progettate con differenti geometrie. Le lenti intraoculari monofocali – conclude Trinchi – forniscono una visione chiara in un singolo punto focale per lontano (guida in auto) oppure per vicino (utilizzo del telefono cellulare) oppure intermedio (lavoro al computer). Le lenti intraoculari ad elevata tecnologia, cosiddette IOL Premium, sono state realizzate con tecnologia industriale molto avanzata per poter vedere gli oggetti a tutte le distanze, potendo così vivere la propria giornata senza dipendere da un paio di occhiali”.

Leggi anche

Al via MIDO 2023, tutte le tendenze dell’eyewear

Funzionali, dall’estetica elaborata e con dettagli unici: gli occhiali che indosseremo nel 2024

MIDO inaugura il 4 febbraio a Fiera Milano Rho la 51esima edizione

Cura e passione per MIDO 2023, un evento che mette gli ottici al centro

Intervista a Giovanni Vitaloni, Presidente del più grande evento internazionale dedicato all’eyewear

La cinquantunesima edizione di MIDO Eyewear Show aprirà le sue porte sabato 4 febbraio a Fieramilano Rho

Fervono i preparativi per MIDO 2023

Più di mille espositori da ogni parte del mondo oltre a convegni, incontri ed eventi dal 4 al 6 febbraio

Anche EyesON presente presso l’Otticlub

I trend e le novità dell’eyewear in anteprima al MIDO

Dal 4 al 6 Febbraio in programma a Fieramilano la più grande manifestazione del settore

Il luogo ideale dove approfondire le novità e le tendenze nel settore eyewear

Le risoluzioni per il Nuovo Anno, in cima la cura degli occhi

Ecco dei consigli utili che arrivano da ACE High-Quality Eye Care, organizzazione no-profit del Regno Unito

Cheratocono, occorre sensibilizzare sulla malattia

5 domande e risposte con la Dottoressa Rossella Colabelli Gisoldi (AO S. Giovanni Addolorata, Roma)

Sensibilizzare sul cheratocono, aumentando la consapevolezza su questa malattia, una patologia degenerativa della cornea che ne cambia la forma stessa, comportando gravi problemi di vista

Realworld workflow: chirurgia della cataratta e maculopatia

Sia la maculopatia legata all’età (essudativa, frazionale e secca) che quella del diabetico presentano oggi caratteristiche peculiari, delle quali tenere conto per scegliere tecniche e tempi chirurgici

Per il glaucoma (e non solo) meglio colliri senza conservanti, più tollerati, ma con uguale efficacia farmacologica

A fare il punto sui colliri è il Dottor Luigi Varano, della Struttura complessa di Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo