L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro - EyesON
CATARATTA

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

Ogni anno vengono eseguiti in Italia oltre 650.000 interventi di cataratta. Questo tipo di chirurgia è considerata una delle più sicure al mondo e le tecniche attuali, per lo più mininvasive, hanno ridotto significativamente i rischi.

Se la cataratta viene operata al momento giusto la percentuale di rischio è inferiore al 3%.
Al contrario, se viene operata tardi il tasso di complicanze può salire al 33%.

Ad affermarlo, e a fare il punto, in occasione della Giornata internazionale delle persone anziane è la Dottoressa Maria Trinchi, Chirurgo Oculista presso l’Ospedale San Carlo di Nancy di Roma.

Il recupero post-intervento è rapido. “La visione – specifica l’esperta – si riacquista rapidamente e progressivamente fin dal primo giorno, raggiungendo la stabilità dopo circa 1 settimana. Per alcuni giorni, dopo l’operazione, è normale sentire una sensazione di corpo estraneo, palpebre pesanti e talvolta un leggero rossore e lacrimazione. Si tratta di sintomi transitori che regrediscono con l’instillazione per un breve periodo di colliri specifici.

“La scelta della lente intraoculare più idonea da impiantare – osserva la Dottoressa Trinchi – è importante per il successo funzionale dell’intervento di cataratta, e per la conseguente soddisfazione del paziente. Quando ci si sottopone ad un intervento di cataratta viene infatti impiantata, in sostituzione del cristallino naturale opacizzato, una lente intraoculare (IOL) in grado di correggere, oltre alla cataratta, anche altri difetti visivi”.

“Esiste una variegata gamma di IOL, progettate con differenti geometrie. Le lenti intraoculari monofocali – conclude Trinchi – forniscono una visione chiara in un singolo punto focale per lontano (guida in auto) oppure per vicino (utilizzo del telefono cellulare) oppure intermedio (lavoro al computer). Le lenti intraoculari ad elevata tecnologia, cosiddette IOL Premium, sono state realizzate con tecnologia industriale molto avanzata per poter vedere gli oggetti a tutte le distanze, potendo così vivere la propria giornata senza dipendere da un paio di occhiali”.

Leggi anche

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

Rientro a scuola: come proteggere gli occhi davanti al pc

La distanza e la posizione dello schermo sono importanti

La prevenzione non va in vacanza

La campagna di IAPB Italia onlus per proteggere gli occhi al mare e in montagna

Mare o montagna, proteggi i tuoi occhi e goditi i più bei panorami dell’estate

Chirurgia del glaucoma vs della cataratta

Il confronto tra gli esperti Carlo Cagini (Università di Perugia) e Vittorio Picardo (Coordinatore Scientifico di EyesON)

Non è una sfida tra le due in cui una esclude l’altra

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Chirurgia refrattiva, lo scopo è raggiungere l’autonomia visiva

Intervista al Prof. Giovanni Alessio, Vice Presidente vicario dell’Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva (AICCER)

La chirurgia refrattiva ha come scopo quello di correggere i difetti di vista, qualcosa che è molto più complesso di ciò che si potrebbe aspettare

Proteggere gli occhi in vacanza

Le indicazioni del Prof. Vincenzo Orfeo (Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva – AICCER)

Come possiamo prenderci cura dei nostri occhi dall’acqua salata del mare o dall’esposizione prolungata al sole

Sequential customized therapeutic keratectomy

Un nuovo approccio per ottimizzare la chirurgia della cataratta

La SCTK è una recente evoluzione della PTK. Utilizza un approccio transepiteliale e personalizzato sul paziente per trattare aberrazioni corneali di alto ordine

Facoemulsificazione della cataratta matura bianca

Secondo l’OMS la cataratta è insieme agli errori refrattivi non corretti, la principale causa curabile di cecità e disabilità visiva nel mondo

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo