La trabeculoplastica laser - EyesON
OFTALMOLOGIADOMANI.IT

La trabeculoplastica laser

Il glaucoma rappresenta la prima causa irreversibile di cecità al mondo e la sua prevalenza continua ad aumentare, essendo strettamente correlata con l’invecchiamento. Della sua forma più comune, il glaucoma primario ad angolo aperto, erano affette 52.7 milioni di persone al mondo nel 2020, con un aumento previsto di quasi il 50% nel 2040, quando i pazienti affetti potrebbero arrivare ad 80 milioni.

Nonostante sia universalmente riconosciuta l’eziologia multifattoriale della neuropatia ottica glaucomatosa, ad oggi l’unico approccio che si sia dimostrato efficace nel bloccare o rallentare la progressione del danno è basato sull’abbassamento della pressione intraoculare (IOP). Dal Collaborative Initial Glaucoma Treatment Study (CIGTS) è emerso come la tecnica scelta per il raggiungimento del target IOP (terapia medica vs trabeculectomia), non determini significative differenze sulla progressione del danno al campo visivo, se non per i pazienti con danno molto avanzato alla diagnosi, per i quali l’abbassamento maggiore ottenuto con l’intervento chirurgico si è dimostrato protettivo a lungo termine. Sebbene la scelta del trattamento non abbia grosso impatto sulla progressione della malattia, a parità di efficacia, questa può influire in diverso modo sulla qualità della vita (Quality of Life – QoL) dei pazienti. Appare facilmente intuibile come, almeno nel primo periodo, un intervento chirurgico possa avere un impatto negativo sulla QoL rispetto ad una terapia basata sull’utilizzo di colliri ipotonizzanti, e come la stessa possa essere negativamente influenzata all’aumentare del numero dei farmaci somministrati, con i relativi effetti indesiderati. Le più recenti linee guida internazionali sono concordi nel definire quale obiettivo del trattamento del glaucoma quello di arrestare o rallentare la progressione della malattia al fine di conservare la QoL del paziente utilizzando, quando possibile, il minor numero possibile di farmaci. Per raggiungere tale scopo, attualmente sono disponibili due nuove opzioni per ridurre o evitare l’utilizzo di colliri ipotonizzanti, in particolar modo per pazienti con nuova diagnosi di ipertono oculare o glaucoma di stadio lieve: la minimally invasive glaucoma surgery (MIGS) e la trabeculoplastica laser (LT).

[a cura di: Dario Romano, Luca Mario Rossetti – Clinica Oculistica, ASST Santi Paolo e Carlo Ospedale San Paolo, Università degli Studi di Milano – oftalmologiadomani.it]

Leggi anche

Fori maculari refrattari e ricorrenti: quale trattamento?

I fori maculari a tutto spessore vengono definiti come “refrattari” in caso di assenza della chiusura anatomica dopo chirurgia e “ricorrenti” in caso di iniziale chiusura a seguito di chirurgia

Maculopatia miopica trattiva. Passato e futuro. Nuova stadiazione e proposte di management

La maculopatia miopica trattiva (MTM) è costituita da un ampio spettro di quadri clinici che possono interessare fino al 30% degli occhi con miopia patologica (MP)

La retinopatia, dopo 30 anni di malattia una complicanza per quasi tutti i pazienti

Intervista al Prof. Daniele Tognetto (Presidente Gruppo Italiano di Chirurgia Vitreoretinica)

Il coinvolgimento degli occhi con lo sviluppo di retinopatia finisce per riguardare la quasi totalità dei diabetici

Retinopatia diabetica, nemico silente degli occhi che si intercetta con visite e prevenzione

L’intervento della Dott.ssa Monica Varano (IRCCS Fondazione G.B. Bietti)

La retinopatia diabetica è asintomatica, almeno negli stadi precoci, ma può essere intercettata con visite periodiche dall’oculista

La retinopatia diabetica

La retinopatia diabetica è una delle complicanze del diabete di lunga durata e colpisce due diabetici su...

L’edema maculare

L’edema maculare è un rigonfiamento, per differenti cause, della più importante aerea della superfice retinica.

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo