Glaucoma, smettere di fumare sul lungo termine riduce il rischio di danni - EyesON
GLAUCOMA

Glaucoma, smettere di fumare sul lungo termine riduce il rischio di danni

Lo dimostra una ricerca pubblicata sul Journal of Glaucoma

La cessazione dell’abitudine al fumo a lungo termine può ridurre la progressione dei danni al campo visivo legati al glaucoma. Lo rileva una ricerca pubblicata recentemente sul Journal Of Glaucoma, l’organo ufficiale della World Glaucoma Association.

I risultati della ricerca

La ricerca interdisciplinare, effettuata da un team di studiosi di vari istituti di ricerca americani, ha preso in esame 354 pazienti di un’età media di 62 anni, seguiti per circa 12 anni con controlli periodici. Tra loro, 149 erano stati fumatori.

Dalla ricerca è emerso che, tra i forti fumatori (soggetti che consumavano una quantità pari o superiore a venti pacchetti di sigarette all’anno), in coloro che avevano smesso di fumare meno di 25 anni prima vi erano maggiori rischi di progressione dei danni al campo visivo, che invece si ‘annullavano’ e tornavano quindi alla pari di quelli dei non fumatori, per coloro i quali avevano smesso prima.

Leggi anche

Glaucoma, prima dell’intervento la superficie oculare si protegge e idrata anche con i sostituti lacrimali

Lo spiega il Dottor Matteo Sacchi, del Comitato Scientifico di SIGLA, Società Italiana Glaucoma

L’obesità è legata a un maggior rischio di degenerazione maculare

Lo rivela una ricerca pubblicata su Science

L'obesità ha effetti sulle cellule immunitarie, rendendole più suscettibili alla produzione di molecole infiammatorie

L’occhio secco mette a rischio la cornea

Uno studio sui topi identifica geni e proteine che potrebbero essere bersagli per la terapia

Le persone con una condizione nota come malattia dell'occhio secco hanno maggiori probabilità di quelle con occhi sani di subire lesioni alla cornea

Campo visivo e immagini OCT: per una corretta valutazione delle progressioni del glaucoma

Fa il punto il Dottor Maurizio Taloni

Un ampio focus su indici funzionali, efficacia della terapia in uso, diagnosi precoce

La trabeculoplastica laser

Sin dalla sua introduzione nel 1979, la trabeculoplastica è diventata un’arma sempre più consolidata ed utilizzata per controllare la pressione intraoculare nei pazienti con glaucoma ad angolo aperto e ipertono oculare

Le cellule gangliari retiniche: note di istologia e valutazione tomografica

Le cellule gangliari retiniche costituiscono il punto di raccolta e passaggio del messaggio visivo

Glaucoma, neuroprotezione e neuroenhancement-multifattorialità

L'efficacia di più sostanze per rallentare diversi meccanismi della cascata neurodegenerativa.
Intervista al Professor Ciro Costagliola (Università degli Studi di Napoli "Federico II")

Un sonno di scarsa qualità aumenta il rischio di glaucoma

Lo rileva una ricerca guidata dal Beijing Huimin Hospital, in Cina, pubblicata sulla rivista scientifica Bmj Open

Per il glaucoma (e non solo) meglio colliri senza conservanti, più tollerati, ma con uguale efficacia farmacologica

A fare il punto sui colliri è il Dottor Luigi Varano, della Struttura complessa di Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo