Cornea, a Bologna eseguito con successo il primo trapianto con protesi endoteliale artificiale - EyesON
MALATTIE DELLA CORNEA

Cornea, a Bologna eseguito con successo il primo trapianto con protesi endoteliale artificiale

Ad eseguirlo il Prof. Luigi Fontana, Direttore di Oftalmologia del Policlinico Sant’Orsola e Segretario Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare

Da zero a sei decimi di vista con un intervento di mezz’ora: la storia di una paziente di 76 anni, la signora Giancarla, che torna a vedere da un occhio dopo 5 anni di cecità grazie al primo trapianto in Italia (centesimo nel mondo) con protesi endoteliale in materiale polimerico, simile alla plastica, che ha avuto molta risonanza mediatica. Ad eseguirlo è stato il Professor Luigi Fontana, Docente di Malattie dell’Apparato Visivo dell’Università di Bologna e Direttore dell’Oftalmologia dell’IRCCS Policlinico di Sant’Orsola, nonché Segretario della Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare (SITRAC). Oggi è stato replicato già cinque volte.

Proprio al Professor Fontana EyesON ha chiesto alcuni dettagli sull’intervento e sulla sua importanza.

“La signora aveva avuto precedenti trapianti di endotelio da donatore – è la prima precisazione del Professor Fontana – che erano però falliti con opacizzazione della cornea dopo un breve periodo. Anche in considerazione di questo abbiamo ritenuto utile provare a ridonarle la vista con un trapianto di diverso tipo, cioè con un endotelio artificiale. Questo quindi è un trapianto, tengo a sottolineare, che non va in antitesi con quello di origine umana, ma si affianca a questo per trattare casi rari in cui il trapianto di origine umana non ha dato un risultato duraturo. Si evince quindi facilmente che questo trapianto non va a sostituire in nessun modo il prezioso lavoro delle Banche degli Occhi, che raccolgono le tante donazioni di cornea degli italiani”.

Potrebbe interessarti anche:
Le Banche degli Occhi, una realtà importante ed efficiente

La signora Giancarla è affetta da una patologia chiamata scompenso endoteliale con opacizzazione bilaterale della cornea e glaucoma. Negli ultimi anni era stata già sottoposta a due interventi di trapianto con cellule endoteliali da donatore, falliti entrambi. Era quindi programmata per ripetere un altro trapianto di endotelio da donatore. Prima dell’operazione con il Professor Fontana, Giancarla aveva una funzione visiva pari a “moto manu”: una condizione assimilabile alla cecità, perché in grado di distinguere solo ombre e luce.

“Occorre considerare – aggiunge Fontana – che si tratta di una tecnica ancora sperimentale, e che il device utilizzato non è ancora commercialmente disponibile e quindi ci vorrà ancora tempo per definire qual è la migliore indicazione ed il grado di successo di questo intervento. Siamo in una fase sperimentale di osservazione: abbiamo avuto dei buoni risultati su quattro pazienti ma dobbiamo ancora capire per quali soggetti questo tipo di trapianto è indicato e per quali si potrà riconoscere un utilizzo adeguato”.

“L’intervento – sottolinea l’esperto – in sé non è diverso da quello di un trapianto di endotelio effettuato utilizzando un tessuto umano. Richiede un’esperienza chirurgica specifica, come è ovvio, ma dal punto di vista organizzativo non è diverso”.

Conclude Fontana: “Come studiosi procediamo pianoSiamo ancora in una fase sperimentale, quindi solo pochi pazienti possono essere operati e devono essere pazienti selezionati in base a caratteristiche ben definite ed omogenee. È bene però ribadire, a beneficio dei pazienti, che il trapianto di origine umana ha ottime probabilità di successo e durata nel tempo, ma esiste una categoria piccola di persone in cui il trapianto di origine umana ha probabilità di durata limitate nel tempo”.

Credits foto: Ufficio stampa IRCSS Policlinico Sant’Orsola, Bologna

Leggi anche

L’occhio secco mette a rischio la cornea

Uno studio sui topi identifica geni e proteine che potrebbero essere bersagli per la terapia

Le persone con una condizione nota come malattia dell'occhio secco hanno maggiori probabilità di quelle con occhi sani di subire lesioni alla cornea

Santa Lucia, tutte le curiosità sulla protettrice della vista

La tradizione popolare l’ha sempre invocata come protettrice della vista per l’etimologia del suo nome

La degenerazione maculare è legata ad alcune malattie cardiache

Lo rileva uno studio del Mount Sinai Hospital

I risultati potrebbero contribuire a migliorare lo screening per salvare la vista e prevenire eventi cardiovascolari avversi

Cheratocono, occorre sensibilizzare sulla malattia

5 domande e risposte con la Dottoressa Rossella Colabelli Gisoldi (AO S. Giovanni Addolorata, Roma)

Sensibilizzare sul cheratocono, aumentando la consapevolezza su questa malattia, una patologia degenerativa della cornea che ne cambia la forma stessa, comportando gravi problemi di vista

Per il glaucoma (e non solo) meglio colliri senza conservanti, più tollerati, ma con uguale efficacia farmacologica

A fare il punto sui colliri è il Dottor Luigi Varano, della Struttura complessa di Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

La prevenzione è la chiave per vedere il futuro

Sono tre milioni gli italiani a rischio di patologie gravi, servono più risorse e attenzione all’oculistica

In occasione della Giornata Mondiale della Vista, gli occhi sono puntati sulla prevenzione, come ‘unico modo per vedere il futuro’

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo