Un sonno di scarsa qualità aumenta il rischio di glaucoma - EyesON
GLAUCOMA

Un sonno di scarsa qualità aumenta il rischio di glaucoma

Dormire troppo, o troppo poco, sviluppare sonnolenza diurna e russamento, potrebbe essere collegato a un rischio maggiore di sviluppare il glaucoma, patologia che se non trattata può portare a una perdita irreversibile della vista. Lo rileva una ricerca guidata dal Beijing Huimin Hospital, in Cina, pubblicata sulla rivista scientifica Bmj Open.

La ricerca

I risultati sottolineano la necessità di una terapia del sonno nelle persone ad alto rischio di malattia, e di controlli oculistici tra le persone con disturbi del sonno cronici per verificare la presenza di segni precoci di glaucoma.

Il glaucoma è una delle principali cause di cecità e, secondo le stime, colpirà circa 112 milioni di persone in tutto il mondo entro il 2040.

Uno screening generale della popolazione potrebbe non essere conveniente secondo i ricercatori, mentre utile può rivelarsi quello mirato dei gruppi ad alto rischio. E uno studio pubblicato precedentemente a questo suggerisce che i disturbi del sonno possono essere un importante fattore di rischio.

Gli studiosi hanno analizzato i parametri relativi a 409.053 partecipanti alla UK Biobank, una delle più ampie banche dati al mondo, tutti di età compresa tra i 40 e i 69 anni, al momento del reclutamento, e che avevano fornito dettagli sui propri comportamenti durante il sonno. Durante un periodo medio di monitoraggio di poco più di 10,5 anni, sono stati identificati 8690 casi di glaucoma.

I risultati

È emerso che chi sviluppava la patologia tendeva ad essere più anziano e con maggiori probabilità se di sesso maschile, fumatore cronico e con pressione alta o diabete.

La durata del sonno troppo breve o lunga era associata a un rischio maggiore di glaucoma dell’8%, l’insonnia a un 12% in più; il russamento a un 4% e una frequente sonnolenza diurna a una probabilità del 20% più elevata.

Leggi anche

Glaucoma, prima dell’intervento la superficie oculare si protegge e idrata anche con i sostituti lacrimali

Lo spiega il Dottor Matteo Sacchi, del Comitato Scientifico di SIGLA, Società Italiana Glaucoma

L’obesità è legata a un maggior rischio di degenerazione maculare

Lo rivela una ricerca pubblicata su Science

L'obesità ha effetti sulle cellule immunitarie, rendendole più suscettibili alla produzione di molecole infiammatorie

L’occhio secco mette a rischio la cornea

Uno studio sui topi identifica geni e proteine che potrebbero essere bersagli per la terapia

Le persone con una condizione nota come malattia dell'occhio secco hanno maggiori probabilità di quelle con occhi sani di subire lesioni alla cornea

Troppo alcol e cibo durante le Feste, gli occhi sono da proteggere

Lo spiega il professor Gianluca Scuderi, Ordinario di Oftalmologia e Membro della Società Italiana di Nutraceutica

A stare più attenti devono essere coloro che hanno il diabete o altre patologie sistemiche

Campo visivo e immagini OCT: per una corretta valutazione delle progressioni del glaucoma

Fa il punto il Dottor Maurizio Taloni

Un ampio focus su indici funzionali, efficacia della terapia in uso, diagnosi precoce

Cinque tappe con oltre 1000 screening, con Vistatour la prevenzione arriva nelle scuole

La campagna di informazione “Occhio a Pinocchio”, partita ad ottobre in occasione della Giornata Mondiale della vista, proseguirà sino a Febbraio 2023

Glaucoma, smettere di fumare sul lungo termine riduce il rischio di danni

Lo dimostra una ricerca pubblicata sul Journal of Glaucoma

Smettere di fumare tempestivamente riduce i rischi di progressione dei danni al campo visivo

La degenerazione maculare è legata ad alcune malattie cardiache

Lo rileva uno studio del Mount Sinai Hospital

I risultati potrebbero contribuire a migliorare lo screening per salvare la vista e prevenire eventi cardiovascolari avversi

Danni alla retina evitabili controllando bene il diabete

Le indicazioni della Dr.ssa Monica Varano (Fondazione G.B. Bietti) in occasione della Giornata Mondiale del Diabete

Monitorare glicemia ed ipertensione contribuisce a rallentare l’insorgenza della retinopatia diabetica

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo