Staminali, un “salvagente” per la cornea - EyesON
MALATTIE DELLA CORNEA

Staminali, un “salvagente” per la cornea

Approfondimento del Professor Emilio Pedrotti, responsabile del Centro di patologia corneale e superficie oculare dell’Università di Verona

Sull’utilizzo delle cellule staminali l’oculistica la fa da padrona insieme all’ematologia nella reale applicazione clinica.

“Nell’occhio in particolare – spiega il Prof. Emilio Pedrotti, docente e responsabile del Centro di patologia corneale e della superficie oculare dell’Università di Veronale staminali si trovano nella periferia della cornea e sono come un “salvagente” che salva la cornea stessa, in particolare l’epitelio corneale. Quelle che si trovano nei due occhi sono generalmente uguali. In caso di problemi bilaterali, in persone a cui manca la vista, c’è poi anche la possibilità di prendere le staminali da un donatore consanguineo, un fratello in particolare che è quello col corredo genetico più simile”.

Si è in grado di curare così malattie dei bambini come l’aniridia, una patologia genetica rara che colpisce l’occhio, caratterizzata dalla formazione incompleta dell’iride (la parte colorata dell’occhio che circonda la pupilla).

L’occhio poi, ricorda l’esperto, è stato il primo terreno di applicazione del laser nella pratica clinica medica. Quelli di ultima generazione danno molta sicurezza, sono impiegati per diverse patologie: una cosa forse meno nota è che sono utili, accettando alcuni compromessi, anche per la presbiopia.

Leggi anche

Malattie degli occhi nei neonati e bimbi piccoli, il percorso a tappe della prevenzione

Il Prof. Giorgio Marchini (Università di Verona): “Servono centri dedicati e controlli oltre che alla nascita a 2-3 anni”

Il mio bambino sarà in salute? È questa la domanda che ogni futuro genitore si pone al momento dell’approssimarsi della nascita del figlio

Sequential customized therapeutic keratectomy

Un nuovo approccio per ottimizzare la chirurgia della cataratta

La SCTK è una recente evoluzione della PTK. Utilizza un approccio transepiteliale e personalizzato sul paziente per trattare aberrazioni corneali di alto ordine

Le lenti Camellens, una piattaforma al servizio del paziente

Si tratta di un prodotto di nicchia, che potrebbe creare apparentemente problemi, ma che può invece risolverli se adoperata bene

Un buon sonno fa bene anche agli occhi

Uno studio sui topi dimostra come la privazione del riposo danneggia le cellule staminali della cornea

Un riposo notturno scarso sia come qualità che come quantità può influenzare gli occhi

Cornea, trapiantando solo la parte malata meno rigetti e complicanze

I trapianti lamellari rappresentano la principale innovazione

Tecnica SMILE, i difetti di vista si correggono con un “bisturi-luce”

Per il trattamento dei difetti di vista vi sono oggi laser che lavorano nello spessore della cornea

La cataratta si può operare anche con il laser

Fa il punto il Prof. Leonardo Mastropasqua, Presidente della Società Italiana Trapianto di Cornea

Alla domanda gli specialisti rispondono che è anche utilizzata questa metodica

Mascherina ed occhiali appannati fanno crescere la richiesta di chirurgia laser

È aumentata in maniera imprevista la domanda di interventi per correggere i difetti di vista

Puntatori laser, i potenziali rischi per gli occhi

Fa il punto il Dott. Marco Tavolato, primario di Oculistica di Chioggia (VE)

Due sono le parole d’ordine: prudenza e attenzione

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo