Degenerazione maculare, l’età più a rischio è dopo i 70 anni - EyesON
MALATTIE DELLA RETINA

Degenerazione maculare, l’età più a rischio è dopo i 70 anni

Maria Cristina Savastano (Policlinico Gemelli di Roma): “Servono controlli abituali per chi ha familiarità”

Si è più a rischio di degenerazione maculare legata all’età a partire forse dai 70 anni, sebbene l’incidenza della patologia negli ultimi anni, in termini di età di esordio, si stia abbassando. Per questa malattia, nella quale è importante una diagnosi precoce, sono consigliati controlli annuali, e in generale controlli serrati per chi ha una maggiore predisposizione, dettata ad esempio da una familiarità.

A spiegarlo è la dottoressa Maria Cristina Savastano, Oculista del Policlinico Gemelli di Roma, esperta di patologie della retina medica.

Utilizzo dei nutraceutici e prevenzione

Si può prevenire la maculopatia legata all’età con i nutraceutici? La risposta dell’esperta è che aiutano, ma va chiarito che non sono un farmaco, bensì un supporto polivitaminico mirato, a base di nutraceutici con grossi potenziali antiossidanti, che non possono modificare la malattia, ma ne possono influenzare l’evoluzione e il decorso.

La diagnosi

“Nel caso di una maculopatia secca – spiega la Dottoressa Savastano – è più difficile accorgersi che qualcosa non va, per lo sviluppo lento e graduale della patologia. Al contrario, per quanto riguarda la maculopatia umida o essudativa il paziente si accorge immediatamente che compare nella parte centrale del campo visivo una difficoltà di visione o distorsione delle immagini che infastidisce numerosi comuni atti della vita”.

“La diagnosi – conclude la Dottoressa Savastano – non è difficile per un oculista, perché può essere sufficiente una semplice visita con l’osservazione del fondo oculare. Nel caso di un dubbio diagnostico o necessità di approfondimento, vi è oggi la possibilità di utilizzare apparecchi di ultima generazione, che sono definibili come delle Tac senza mezzo di contrasto, che sono l’OCT o l’angiografia OCT, che consentono di visualizzare i dettagli in alta risoluzione che avvengono nella parte centrale della retina (la macula), confermando la diagnosi precoce di maculopatia. L’esame OCT è poi comunque utile per verificare il decorso nel tempo di questa patologia invalidante”.

Leggi anche

L’obesità è legata a un maggior rischio di degenerazione maculare

Lo rivela una ricerca pubblicata su Science

L'obesità ha effetti sulle cellule immunitarie, rendendole più suscettibili alla produzione di molecole infiammatorie

Troppo alcol e cibo durante le Feste, gli occhi sono da proteggere

Lo spiega il professor Gianluca Scuderi, Ordinario di Oftalmologia e Membro della Società Italiana di Nutraceutica

A stare più attenti devono essere coloro che hanno il diabete o altre patologie sistemiche

Campo visivo e immagini OCT: per una corretta valutazione delle progressioni del glaucoma

Fa il punto il Dottor Maurizio Taloni

Un ampio focus su indici funzionali, efficacia della terapia in uso, diagnosi precoce

La degenerazione maculare è legata ad alcune malattie cardiache

Lo rileva uno studio del Mount Sinai Hospital

I risultati potrebbero contribuire a migliorare lo screening per salvare la vista e prevenire eventi cardiovascolari avversi

Concentrare i pasti della giornata, una strategia che fa bene alla salute

Le diete con digiuno intermittente possono avere effetti sulla perdita di peso e prevenire il rischio di malattie cardiocircolatorie

Interviene il Professor Giovanni Spera (Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del comportamento Alimentare & Obesità – SISDCA)

Nel mondo 200 milioni di persone con degenerazione maculare, i nutraceutici utili specie nella forma ‘secca’

Ritardano l’insorgenza della maculopatia, ne rallentano la progressione e ne riducono gli effetti degenerativi di tipo funzionale

Fa il punto la Dottoressa Martina Maceroni, Fondazione Policlinico A. Gemelli di Roma

Danni alla retina evitabili controllando bene il diabete

Le indicazioni della Dr.ssa Monica Varano (Fondazione G.B. Bietti) in occasione della Giornata Mondiale del Diabete

Monitorare glicemia ed ipertensione contribuisce a rallentare l’insorgenza della retinopatia diabetica

Realworld workflow: chirurgia della cataratta e maculopatia

Sia la maculopatia legata all’età (essudativa, frazionale e secca) che quella del diabetico presentano oggi caratteristiche peculiari, delle quali tenere conto per scegliere tecniche e tempi chirurgici

Glaucoma, neuroprotezione e neuroenhancement-multifattorialità

L'efficacia di più sostanze per rallentare diversi meccanismi della cascata neurodegenerativa.
Intervista al Professor Ciro Costagliola (Università degli Studi di Napoli "Federico II")

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo