Il sonno, un alleato importante contro l’occhio pigro

Uno studio italiano dimostra che il sonno contribuisce a potenziare l’attività plastica del cervello in risposta agli stimoli visivi

 

Si chiama dal punto di vista scientifico ambliopia, ma è comunemente conosciuta come “occhio pigro”, una condizione per la quale vi è una riduzione più o meno marcata dell’acuità visiva che riguarda un occhio o, più raramente, entrambi.

Il sonno può essere un alleato importante contro questo problema, in quanto contribuisce a potenziare l’attività plastica del cervello in risposta agli stimoli visivi. Lo rileva una ricerca italiana, pubblicata sulla rivista eLife e condotta da Danilo Menicucci, Andrea Zaccaro, Maria Concetta Morrone e Angelo Gemignani dell’Università di Pisa insieme a Claudia Lunghi, ex collega dell’Ateneo pisano ora all’École Normale Supérieure di Parigi.

“La plasticità neurale è una proprietà fondamentale del sistema nervoso che ci consente di cambiare i nostri circuiti cerebrali in risposta alla pressione ambientale – spiega il professore Danilo Menicucci – Questo processo è in atto tutte le volte che acquisiamo nuove nozioni o impariamo un nuovo sport, ma è grazie al sonno che i cambiamenti diventano permanenti”.

La novità dello studio dei ricercatori dell’Università di Pisa è stata quindi dimostrare per la prima volta che questa funzione del sonno vale anche per i processi plastici a carico delle cortecce visive (con il coinvolgimento anche delle aree cerebrali frontali, tradizionalmente legate al ragionamento e al pensiero umano, a riprova della complessa integrazione tra le aree che è alla base del funzionamento del nostro cervello).

Per giungere a queste conclusioni, alcuni volontari hanno tenuto un occhio bendato per due ore e sono poi stati invitati a dormire per altre due. I ricercatori hanno così potuto verificare che gli effetti indotti dal bendaggio oculare sono durati più a lungo di quanto sarebbe invece avvenuto se i soggetti fossero rimasti svegli.

Gli esiti della ricerca, secondo gli studiosi, possono permettere l’affinamento di nuovi approcci terapeutici per la sindrome dell’occhio pigro.

Spread the love

dovresti vedere

Dal tappo di spumante ai fuochi pirotecnici, tutte le insidie delle feste

L’esperienza del Prof. Ciro Tamburrelli e dell’Ospedale Oftalmico di Roma

Un sacco a pelo hi-tech per gli occhi degli astronauti

Lo Spazio rimodella i bulbi oculari creando temporanei problemi di vista