Un microago biodegradabile per portare farmaci all’interno dell’occhio - EyesON
MALATTIE DELLA RETINA

Un microago biodegradabile per portare farmaci all’interno dell’occhio

Un nuovo microago autobloccante e biodegradabile per l’iniezione di sostanze terapeutiche negli occhi, che potenzialmente risolve una delle principali sfide del trattamento delle malattie degli occhi: la somministrazione accurata di farmaci terapeutici alla retina, proteggendo al contempo da possibili complicazioni nel sito di iniezione.
È quello sviluppato dal Terasaki Institute for Biomedical Innovation, il cui funzionamento viene descritto sulla rivista Advanced Healthcare Materials.

La ricerca mostra prove precliniche che questo innovativo microago biodegradabile, rivestito con un farmaco terapeutico da rilasciare al momento dell’inserimento nel bulbo oculare, può anche essere dotato di uno speciale idrogel che sigilla contemporaneamente il foro di inserimento. Inoltre, il microago autobloccante può essere fabbricato con aghi di diverse lunghezze, in modo che le terapie possano essere mirate con precisione e disperse nei tessuti retinici o in altre aree all’interno del bulbo oculare. Alcune forme di retinopatia possono essere trattate mediante l’iniezione di farmaci nel bulbo oculare utilizzando siringhe e aghi ipodermici. In questa procedura, i farmaci iniettati si diffondono attraverso il fluido all’interno del bulbo oculare per raggiungere il sito danneggiato. In molti casi, sono necessarie più iniezioni per un periodo di tempo prolungato per proteggere la loro vista. Oltre a rappresentare un problema per i pazienti, questo regime introduce il rischio di infezione batterica nel sito di prelievo dell’ago. Può anche rappresentare un rischio per le cellule tumorali fluttuanti negli occhi malati di sfuggire attraverso i fori di puntura e migrare verso altri siti.

Per evitare questi problemi, sono stati tentati aghi impiantabili per la somministrazione di farmaci; tuttavia, le difficoltà meccaniche e la navigazione attraverso il fluido viscoso nel bulbo oculare hanno ostacolato il posizionamento accurato dell’ago e rappresentano un ulteriore rischio di danno retinico. Altri approcci prevedono tappi polimerici per chiudere i fori lasciati dagli aghi ipodermici, ma ciò comporta un passaggio separato e un intervallo di tempo dopo l’iniezione.

Leggi anche

Un sacco a pelo hi-tech per gli occhi degli astronauti

Lo Spazio rimodella i bulbi oculari creando temporanei problemi di vista

Sans, la sindrome neuro-oculare associata al volo spaziale

Retinopatia del prematuro, ok di Aifa alla rimborsabilità della prima terapia farmacologica

AIFA, l’Agenzia Italiana del Farmaco, ha dato il via libera alla rimborsabilità della prima terapia...

Reni a rischio, anche gli occhi possono soffrire

I pazienti nefropatici possono essere più soggetti a sviluppare patologie oculari

Come si esegue l’esoftalmometria

Il video-tutorial mostra come si esegue l’esoftalmometria. Questo esame, non invasivo ed indolore, viene...

FAQ – Malattie della Retina

L’oculista mi ha diagnosticato una retinopatia. Che vuol dire?

Prenota la tua visita gratuita

“Vista in Salute” è un’iniziativa di IAPB Italia Onlus che propone controlli oculistici gratuiti per la...

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo