Agosto 2022 - EyesON

Glaucoma, il rischio aumenta se si sviluppano presto diabete o pressione alta

Diabete e pressione alta, specie se si manifestano in giovane età, possono essere campanelli d’allarme da non trascurare anche per la salute degli occhi.

Prima si sviluppano il diabete di tipo 2 o l’ipertensione nella vita, prima infatti è probabile che insorga anche il glaucoma primario ad angolo aperto, la principale causa di cecità irreversibile nel mondo.
Lo rileva una ricerca dell’UT Southwestern, pubblicata sulla rivista Clinical Ophthalmology.

I risultati potrebbero portare a migliori protocolli di screening per questa patologia oculare.

Decine di milioni di persone hanno il glaucoma nel mondo: poiché la malattia ha pochi sintomi nelle prime fasi, secondo i ricercatori i pazienti vengono spesso diagnosticati nelle fasi successive, quando la vista è già stata permanentemente danneggiata. Sebbene siano stati identificati diversi fattori di rischio per lo sviluppo di glaucoma primario ad angolo aperto (che rappresenta fino al 90% di tutti i casi di glaucoma) tra cui diabete di tipo 2, ipertensione, emicrania e apnea ostruttiva del sonno, non risultava chiaro come potessero influenzare l’insorgenza della patologia.

Per rispondere a questa domanda, sono stati raccolti i dati dalle cartelle cliniche di 389 pazienti con glaucoma primario ad angolo aperto, che si sono recati tra giugno 2019 e dicembre 2019 presso la clinica oculistica dell’Università americana.

Utilizzando modelli statistici, è stato possibile stabilire che l’età della diagnosi di diabete di tipo 2 o ipertensione era significativamente collegata all’insorgenza della malattia oculare: prima i pazienti presentavano una o entrambe queste condizioni, prima tendevano a svilupparla.

Il Dott. Karanjit Kooner, principale autore dello studio, osserva che sia il diabete di tipo 2 che l’ipertensione sono malattie che colpiscono i vasi sanguigni sia del nervo ottico che della retina, causando potenzialmente cambiamenti che predispongono i pazienti al glaucoma primario ad angolo aperto, un’altra condizione con un importante origine vascolare.
Se queste connessioni dovessero reggere nella ricerca futura, concludono i ricercatori, il diabete di tipo 2 e l’ipertensione potrebbero essere aggiunti all’elenco dei fattori che possono attivare lo screening per il glaucoma e portare a una diagnosi precoce, preservando la vista e la qualità della vita dei pazienti.

Leggi anche

Degenerazione maculare, l’età più a rischio è dopo i 70 anni

Maria Cristina Savastano (Policlinico Gemelli di Roma): “Servono controlli abituali per chi ha familiarità”

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

Il nervo ottico, una finestra sul cervello

A Roma il Congresso Neuro-Roma 2022

Dallo studio del nervo ottico alla diagnosi precoce di molte malattie neurologiche

Una nuova opzione diagnostica per l’uveite

Testata a Bonn tecnologia italiana

I ricercatori hanno testato una nuova opzione diagnostica che aiuta ad anticipare la diagnosi

Uveite, una malattia complessa per cui è meglio preferire centri specializzati

L’intervento della Prof.ssa Elisabetta Miserocchi (Università Vita Salute, San Raffaele, Milano)

La diagnosi di uveite è estremamente complessa da fare

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Pressione o compressione? Alcune considerazioni cliniche riguardanti glaucoma e neuropatia ottica compressiva

Il glaucoma è la neuropatia ottica più frequente in assoluto nonché una delle principali cause di cecità nel mondo

È sempre più ‘epide-miopia’ tra i bambini

Complici gli stili di vita, la vista dei giovanissimi è a rischio

La miopia è sempre più diffusa tra bambini e adolescenti, al punto che si parla di "epide-miopia"

La cornea, una lente che va protetta

L’approfondimento con il Dr. Augusto Pocobelli, Direttore di Oftalmologia – Banca degli Occhi Azienda Ospedaliera S. Giovanni Addolorata di Roma

Un’irregolarità sulla cornea si riflette negativamente sulla qualità della vista

Intervista al Prof. Robert Rejdak
a cura del Dott. Amedeo Lucente

D: Per iniziare a conoscere i nostri lettori, vuole raccontarci come si articola la sua attività accademica e di ricerca? Lei è attualmente Professore e Presidente del Dipartimento di Oftalmologia Generale Tadeusz Krwawicz a Lublino; come ha organizzato l’attività di un così prestigioso dipartimento di oftalmologia polacca?

R: La funzione di responsabile di Cattedra e del Dipartimento di Oftalmologia è da un lato rivolto all´attività clinica e dall’altro dedicato all´attività di ricerca, per cui è importante disporre di un team molto preparato sia in termini di chirurgia che di ricerca. Altro ruolo estremamente importante è la cooperazione con altri centri di eccellenza, a questo riguardo noi a Lublino combiniamo queste funzioni cooperando con gruppi provenienti da Germania, Italia e Svizzera, nonché con altri ospedali come la Rutgers University negli Stati Uniti.
Negli ultimi due anni abbiamo lavorato intensamente con un gruppo internazionale di esperti EUROCOVCAT con i quali abbiamo sviluppato congiuntamente raccomandazioni per l’esecuzione di procedure oftalmiche nel periodo e nelle condizioni di una pandemia in tutta Europa.
Per noi di Lublino una collaborazione molto importante è la già decennale attività all’interno della Scuola Europea di Studi Avanzati di Oftalmologia (ESASO), che stiamo sviluppando sia a Lugano che a Lublino. Grazie al contributo del professor Giuseppe Guarnaccia abbiamo potuto formare molti medici polacchi in chirurgia oftalmica; negli ultimi 10 anni ho formato personalmente centinaia di medici da tutto il mondo e grazie a questo processo siamo oggi in grado di avere uno scambio di rilievo con oculisti di tutti i continenti. Attualmente disponiamo di un centro satellite ESASO a Lublino dove formiamo e intendiamo formare medici dalla Polonia, da questa parte d’Europa, ma anche da tutto il mondo.

D: Le Sue principali aree di interesse vanno dalla cataratta alla retina. C’è ancora spazio per la chirurgia “da polo a polo” o pensi sia necessario limitare il proprio campo di interesse per raggiungere livelli di eccellenza?

R: Nella mia carriera ho eseguito personalmente oltre 40.000 interventi chirurgici (più di 30.000 interventi di cataratta e più di 10.000 vitrectomie).
Opero sia la cataratta che la vitrectomia e molto spesso si tratta di procedure combinate. Soprattutto le procedure combinate sono utili nel trattamento delle lesioni agli occhi. È davvero utile quando lavori in centri di grandi dimensioni come la Clinica Universitaria o il Trauma Center. Naturalmente, se eseguiamo un solo tipo di intervento chirurgico, dobbiamo collaborare con altri medici per trattare complicazioni o casi complessi. Vale la pena eseguire queste procedure da soli, ovviamente, un numero molto elevato di procedure è importante per acquisire esperienza.
La pandemia di coronavirus ha fatto sì che in questo momento giungano a noi stadi molto avanzati della malattia, sia della retina che della cataratta. Quindi è necessario acquisire ulteriore esperienza nel trattamento di tali malattie, a volte dobbiamo operare sia il segmento anteriore che quello posteriore dell’occhio. Nel caso del trattamento delle lesioni agli occhi è importante anche l’esperienza in chirurgia corneale. Dobbiamo suturare correttamente la ferita corneale per eseguire le procedure necessarie come la chirurgia della cataratta o la vitrectomia. Anche il risultato di lesioni agli occhi può essere il glaucoma, quindi dobbiamo essere in grado di trattare il glaucoma chirurgicamente da soli o in gruppo.

D: Nonostante le divisioni nazionali e territoriali, la cultura ha necessariamente un carattere internazionale. In Polonia, come nel resto d’Europa, i 16 Voivodati testimoniano antiche separazioni. Come possono la cultura e la scienza contribuire al dialogo tra i popoli e alla loro civile e libera convivenza? Riesce a sentire la stessa aria di universalità anche nell’oftalmologia polacca? Come immagina l’Oculistica del Terzo Millennio?

R: In Polonia non ci sono grandi differenze tra i voivodati per quanto riguarda il grado di formazione in oftalmologia, abbiamo un sistema di formazione molto uniforme perché il programma di formazione copre l’intero paese e tutti gli ospedali in cui formiamo i residenti. Naturalmente, il sistema dovrebbe essere modernizzato, soprattutto tenendo conto dei benefici delle nuove terapie o della modalità ambulatoriali nella maggior parte delle procedure oftalmiche. Cerchiamo di formare i nostri giovani medici esattamente secondo le regole che si applicano in Europa.
In Polonia, abbiamo utilizzato l’esperienza di organizzazioni come EURETINA, ESCRS, ESASO o, recentemente, una cooperazione molto intensa con il gruppo EUROCOVCAT. Grazie agli esperti di queste organizzazioni e all’esperienza di tutta Europa, sviluppiamo e modifichiamo il nostro programma di formazione, che attualmente è molto moderno e adattato, a mio avviso, alle esigenze di formazione in Europa nel campo dell’oftalmologia.
Il dialogo e lo scambio di opinioni sono estremamente importanti nello sviluppo dell’oftalmologia, sia in Polonia che nel mondo. Abbiamo sviluppato molte piattaforme per lo scambio di esperienze al momento, oltre alle classiche convention di persona, al giorno d’oggi e nel prossimo futuro si stanno sviluppando formazione sotto forma di webinar online e vari tipi di podcast o video didattici.
In futuro l’oftalmologia sarà molto unificata a causa del grande sviluppo di tecnologie che allo stesso tempo stanno diventando più economiche e servono la sicurezza e la qualità delle operazioni oftalmiche e delle procedure diagnostiche. A mio avviso, la diagnostica sarà in gran parte basata su tecniche digitali e di telemedicina. Sia la diagnosi precoce, sia i test di screening, ma anche il follow-up di molte malattie, si baseranno sull’uso della teleoftalmologia e dell’intelligenza artificiale. Si tratterà di una tecnologia molto diffusa che consentirà di individuare precocemente malattie, in particolare malattie maculari o cataratta. La diagnostica si baserà anche su tecnologie come l’OCT domiciliare, l’angio-ottobre domiciliare e la trasmissione remota di queste immagini ai centri di coordinamento e agli ospedali.

D: Come è organizzato il percorso per diventare Chirurghi e Oftalmologi in Polonia? È possibile conciliare una brillante carriera senza trascurare gli aspetti umani e familiari?

R: In Polonia, la formazione di un oculista copre 5 anni. Durante questo periodo, un giovane medico impara la fisiologia e la fisiopatologia dell’occhio, la diagnostica e il trattamento delle malattie oftalmiche e acquisisce anche conoscenze sugli elementi della chirurgia oculare. Il candidato esegue procedure quali iniezioni intravitreali, procedure di chirurgia plastica e assiste in operazioni quali chirurgia della cataratta, vitrectomia, chirurgia corneale e chirurgia del glaucoma.
So che ci sono piani per ridurre questa formazione a tre anni. E dopo, il prossimo periodo di tale formazione dovrebbe essere dedicato solo a candidati selezionati che desiderano formarsi nel campo della chirurgia oculare.
Secondo me, per diventare un chirurgo oftalmico esperto, si dovrebbe dedicare molto tempo alla formazione pratica utilizzando wetlab e simulatori. Nelle procedure standard, è necessario avere e fare affidamento sull’esperienza di chirurghi senior che condivideranno la loro esperienza. È anche correlato a viaggi in altri centri per vari tipi di osservatori o addestramento pratico.
Dopo il periodo di formazione, è importante eseguire molte procedure al mese. Stimiamo in Polonia che un chirurgo esperto di cataratta dovrebbe eseguire un minimo di 300-500 operazioni di cataratta all’anno, ma secondo me un chirurgo esperto esegue almeno 800-1000 operazioni all’anno. Questo (un gran numero di interventi chirurgici) si applica a tutte le procedure oftalmiche e a tutti i tipi di esse.

D: Quale messaggio vuoi trasmettere ai giovani medici che intraprendono il percorso dell’Oculistica? Per diventare un “leader” qual è la strada da percorrere? Ci sono ostacoli nuovi e più difficili da affrontare oggi?

R: L’oftalmologia moderna è una branca della medicina meravigliosa e affascinante. Dà molte soddisfazioni. Possiamo davvero aiutare i nostri pazienti con molte malattie. Grazie alle più recenti tecnologie diagnostiche e possibilità terapeutiche, siamo in grado di curare in modo sicuro ed efficace molte malattie e, di fatto, la maggior parte delle malattie che fino a tempi recenti portavano alla cecità irreversibile. La diagnosi precoce di queste malattie è molto importante ed è necessario un trattamento precoce. La chiave è un’adeguata formazione utilizzando i metodi più recenti come il laboratorio umido e la simulazione, nonché corsi didattici, video e materiali sulle tecniche e le fasi della chirurgia. La soluzione di formazione modello sono i corsi organizzati dall’ESASO. È difficile definire quale sia il percorso per guidare una squadra. Si deve assolutamente padroneggiare l’oftalmologia clinica e fornire supporto al resto del team. L’oftalmologia clinica è un lavoro di squadra. La base per il funzionamento di una buona squadra è il supporto e la cooperazione reciproci. Il ruolo del leader è rafforzare questi meccanismi. Altrettanto importanti sono l’organizzazione moderna e adeguata del lavoro del team, l’organizzazione delle opportunità di formazione e lo sviluppo professionale continuo.

[a cura di: Amedeo Lucente – oftalmologiadomani.it]

Fori maculari refrattari e ricorrenti: quale trattamento?

I fori maculari (MH) a tutto spessore vengono definiti come “refrattari o persistenti” in caso di assenza della chiusura anatomica dopo chirurgia e “ricorrenti” in caso di iniziale chiusura a seguito di chirurgia e successiva riapertura del foro maculare dopo almeno 4 settimane. Una incompleta chiusura del foro maculare si registra fino al 10% dei casi operati.

Tuttavia, percentuali maggiori di insuccesso possono presentarsi in concomitanza di fattori di rischio quali diametro del foro maggiore di 500 microns, presenza da oltre 6 mesi, miopia elevata, pregresse uveiti o traumi, comorbidità retiniche quali drusen, peeling inadeguato e scarsa compliance del paziente nel mantenere la posizione postoperatoria.[…]


Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti registrati. Effettua il login per visualizzare il contenuto.

Leggi anche

Maculopatia miopica trattiva. Passato e futuro. Nuova stadiazione e proposte di management

La maculopatia miopica trattiva (MTM) è costituita da un ampio spettro di quadri clinici che possono interessare fino al 30% degli occhi con miopia patologica (MP)

La retinopatia, dopo 30 anni di malattia una complicanza per quasi tutti i pazienti

Intervista al Prof. Daniele Tognetto (Presidente Gruppo Italiano di Chirurgia Vitreoretinica)

Il coinvolgimento degli occhi con lo sviluppo di retinopatia finisce per riguardare la quasi totalità dei diabetici

Retinopatia diabetica, nemico silente degli occhi che si intercetta con visite e prevenzione

L’intervento della Dott.ssa Monica Varano (IRCCS Fondazione G.B. Bietti)

La retinopatia diabetica è asintomatica, almeno negli stadi precoci, ma può essere intercettata con visite periodiche dall’oculista

La retinopatia diabetica

La retinopatia diabetica è una delle complicanze del diabete di lunga durata e colpisce due diabetici su...

L’edema maculare

L’edema maculare è un rigonfiamento, per differenti cause, della più importante aerea della superfice retinica.

FAQ – Malattie della Retina

L’oculista mi ha diagnosticato una retinopatia. Che vuol dire?

Ricostituito il Comitato Tecnico Nazionale per la Prevenzione della Cecità e dell’Ipovisione

Con Decreto del 9 Agosto 2022 il Ministro della Salute On. Roberto Speranza ha ricostituito il Comitato Tecnico Nazionale per la Prevenzione della Cecità e dell’Ipovisione, scaduto il 3 Luglio 2020, di cui pubblichiamo il testo integrale.

Leggi il Decreto

La ricostituzione del Comitato conferma che le attività di Prevenzione della Cecità e dell’Ipovisione sono motivo di attenzione particolare dell’attività di Governo, per una serie di considerazioni di tipo politico, sociale ed economico che lo stesso Decreto identifica e valorizza.

L’attività del Comitato avrà una durata di 3 anni.

Leggi anche

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

Maculopatia, primo impianto di retina artificiale in Italia

Ecco come funziona questo intervento straordinario

L’intervento è nell’ambito di uno studio multicentrico che coinvolge Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Stati Uniti e Italia

Una retina artificiale per la maculopatia degenerativa

La parola al Dott. Marco Andrea Pileri, che ha eseguito l’intervento

Impiantata per la prima volta in Italia una retina artificiale ad un paziente affetto da degenerazione maculare senile

Il glaucoma non compromette la funzione cognitiva

Una ricerca americana ha stabilito che qualsiasi associazione tra le due potrebbe essere debole o del tutto assente

Perlomeno fino al punto in cui la malattia non compromette in maniera molto importante la vista

Malattie degli occhi nei neonati e bimbi piccoli, il percorso a tappe della prevenzione

Il Prof. Giorgio Marchini (Università di Verona): “Servono centri dedicati e controlli oltre che alla nascita a 2-3 anni”

Il mio bambino sarà in salute? È questa la domanda che ogni futuro genitore si pone al momento dell’approssimarsi della nascita del figlio

È sempre più ‘epide-miopia’ tra i bambini

Complici gli stili di vita, la vista dei giovanissimi è a rischio

La miopia è sempre più diffusa tra bambini e adolescenti, al punto che si parla di "epide-miopia"

Donare la propria voce per un Audiolibro

Al Salone del Libro di Torino l’iniziativa dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI)

L’invito a donare la propria voce per degli audiolibri, per regalare il piacere della lettura a chi non vede

Malattie retiniche: torna “Vista In Salute”, la Campagna dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità (IAPB Italia Onlus)

A Maggio tappa in Sardegna e Liguria

Un tir hi-tech dotato di quattro ambulatori, in cui saranno effettuati controlli gratuiti su glaucoma, retinopatia diabetica, maculopatie

Sensibilizzare i giovani sulla disabilità visiva: a Milano un laboratorio multisensoriale per mettersi nei panni dei non vedenti

Un modo concreto per interpretare la Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità

La prevenzione non va in vacanza
La campagna di IAPB Italia onlus per proteggere gli occhi al mare e in montagna

La prevenzione non va in vacanza: mare o montagna, proteggi i tuoi occhi e goditi i più bei panorami dell’estate.

Questo l’invito che l’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità – IAPB Italia onlus lancia attraverso la campagna “La prevenzione non va in vacanza”, condividendo alcuni semplici consigli per mantenere i nostri occhi in salute.

Il primo consiglio è bere molta acqua: anche i nostri occhi hanno “sete”, per questo è opportuno mantenerli idratati, bevendo molta acqua e moderando, al contrario, il consumo di bevande gassate e zuccherate, riducendo anche l’assunzione di alcolici. Bevi lentamente e a piccoli sorsi ed evita di ingerire bibite troppo fredde. L’idratazione dell’occhio aiuterà a ridurre i corpi mobili come le “mosche volanti”, i puntini o altri addensamenti che si muovono con lo sguardo. Iapb ricorda inoltre che frutta e verdura sono alimenti fondamentali per la nostra vista, per questo è consigliato mangiarli ad ogni pasto variandone la scelta.

Tra gli alimenti che fanno particolarmente bene agli occhi ricordiamo: mirtilli, carote, noci, broccoli e insalata verde. È inoltre consigliabile consumare pasti leggeri, preferire la pasta e il pesce alla carne ed evitare i cibi elaborati e piccanti.

Importante, poi, è ricordare che è fortemente sconsigliato l’utilizzo di lenti a contatto per i bagni in mare o in piscina, in particolar modo in presenza di infiammazioni oculari come le congiuntiviti. Inoltre, utilizzare le lenti in acqua può aumentare i rischi di contaminazione batterica con cheratiti e altre infezioni oculari. In generale, occorre avere presente che tenere gli occhi aperti sott’acqua non fa male, a meno che non si soffra di infiammazioni o arrossamenti. Ad ogni modo, il sale o il cloro potrebbero essere irritanti, per questo è consigliabile l’utilizzo di una maschera o degli occhialini per avere una maggiore protezione.

Se dovessero invece entrare negli occhi sabbia, crema o altri corpi estranei, è necessario ricordarsi di non strofinarli, ma di risciacquarli in abbondanza con acqua dolce ed asciugarli delicatamente.

Leggi anche

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

Rientro a scuola: come proteggere gli occhi davanti al pc

La distanza e la posizione dello schermo sono importanti

Rientro a scuola: in agguato la congiuntivite, come proteggersi

Un approfondimento dell’Università del Kentucky spiega i sintomi e come agire

Nei bambini, l'infezione tende a trasmettersi con facilità

Chirurgia refrattiva, lo scopo è raggiungere l’autonomia visiva

Intervista al Prof. Giovanni Alessio, Vice Presidente vicario dell’Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva (AICCER)

La chirurgia refrattiva ha come scopo quello di correggere i difetti di vista, qualcosa che è molto più complesso di ciò che si potrebbe aspettare

Proteggere gli occhi in vacanza

Le indicazioni del Prof. Vincenzo Orfeo (Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva – AICCER)

Come possiamo prenderci cura dei nostri occhi dall’acqua salata del mare o dall’esposizione prolungata al sole

Le lenti Camellens, una piattaforma al servizio del paziente

Si tratta di un prodotto di nicchia, che potrebbe creare apparentemente problemi, ma che può invece risolverli se adoperata bene

Uveite, una malattia complessa per cui è meglio preferire centri specializzati
L’intervento della Prof.ssa Elisabetta Miserocchi (Università Vita Salute, San Raffaele, Milano)

La diagnosi di uveite è estremamente complessa da fare.

Dal punto di vista della strumentazione è sufficiente quella basica per cominciare, ad esempio una lampada e fessura, ma per osservare se l’uveite coinvolge anche il polo posteriore può essere necessario ricorrere all’OCT e altri esami. Questo per verificare che non sia stata colpita la retina.

Lo sottolinea la Prof.ssa Elisabetta Miserocchi, dell’Unità Operativa di Oculistica, Istituto Scientifico Ospedale San Raffaele e Professore Università Vita-Salute di Milano.

Altro passaggio da fare è capire se l’uveite sia un fenomeno che si manifesta solo a livello oculare o se invece non si associ a malattie sistemiche, nello specifico autoimmuni o infettive. Tutto questo richiede modalità complesse da mettere in atto ed è il motivo per il quale è meglio che il paziente sia gestito in centri specializzati.

[Video editing: Alessandra De Vita]

Leggi anche

Degenerazione maculare, l’età più a rischio è dopo i 70 anni

Maria Cristina Savastano (Policlinico Gemelli di Roma): “Servono controlli abituali per chi ha familiarità”

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

Una nuova opzione diagnostica per l’uveite

Testata a Bonn tecnologia italiana

I ricercatori hanno testato una nuova opzione diagnostica che aiuta ad anticipare la diagnosi

Chirurgia del glaucoma vs della cataratta

Il confronto tra gli esperti Carlo Cagini (Università di Perugia) e Vittorio Picardo (Coordinatore Scientifico di EyesON)

Non è una sfida tra le due in cui una esclude l’altra

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Il glaucoma non compromette la funzione cognitiva

Una ricerca americana ha stabilito che qualsiasi associazione tra le due potrebbe essere debole o del tutto assente

Perlomeno fino al punto in cui la malattia non compromette in maniera molto importante la vista

Impianto di Xen 45 ab-esterno transcongiuntivale: efficacia e sicurezza di una nuova tecnica chirurgica

Valutare l’efficacia e la sicurezza dell’impianto di Xen 45 con una nuova tecnica ab-esterno transcongiuntivale

Facoemulsificazione della cataratta matura bianca

Secondo l’OMS la cataratta è insieme agli errori refrattivi non corretti, la principale causa curabile di cecità e disabilità visiva nel mondo

Pressione o compressione? Alcune considerazioni cliniche riguardanti glaucoma e neuropatia ottica compressiva

Il glaucoma è la neuropatia ottica più frequente in assoluto nonché una delle principali cause di cecità nel mondo

Chirurgia del glaucoma vs della cataratta
Il confronto tra gli esperti Carlo Cagini (Università di Perugia) e Vittorio Picardo (Coordinatore Scientifico di EyesON)

Chirurgia del glaucoma versus chirurgia della cataratta: non è una sfida tra le due in cui una esclude l’altra, ma una conoscenza entusiasmante che si allarga a quella dei giovani chirurghi oculisti.

In un botta e risposta che somiglia molto a una partita di Ping Pong, con rimbalzi e puntualizzazioni, si confrontano due esperti: il Prof. Carlo Cagini, Professore Associato di Oftalmologia dell’Università di Perugia, e l’oculista Vittorio Picardo, Coordinatore Scientifico di EyesON.

[Video editing: Alessandra De Vita]

Leggi anche

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Il glaucoma non compromette la funzione cognitiva

Una ricerca americana ha stabilito che qualsiasi associazione tra le due potrebbe essere debole o del tutto assente

Perlomeno fino al punto in cui la malattia non compromette in maniera molto importante la vista

Chirurgia refrattiva, lo scopo è raggiungere l’autonomia visiva

Intervista al Prof. Giovanni Alessio, Vice Presidente vicario dell’Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva (AICCER)

La chirurgia refrattiva ha come scopo quello di correggere i difetti di vista, qualcosa che è molto più complesso di ciò che si potrebbe aspettare

Proteggere gli occhi in vacanza

Le indicazioni del Prof. Vincenzo Orfeo (Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva – AICCER)

Come possiamo prenderci cura dei nostri occhi dall’acqua salata del mare o dall’esposizione prolungata al sole

Sequential customized therapeutic keratectomy

Un nuovo approccio per ottimizzare la chirurgia della cataratta

La SCTK è una recente evoluzione della PTK. Utilizza un approccio transepiteliale e personalizzato sul paziente per trattare aberrazioni corneali di alto ordine

Impianto di Xen 45 ab-esterno transcongiuntivale: efficacia e sicurezza di una nuova tecnica chirurgica

Valutare l’efficacia e la sicurezza dell’impianto di Xen 45 con una nuova tecnica ab-esterno transcongiuntivale

Facoemulsificazione della cataratta matura bianca

Secondo l’OMS la cataratta è insieme agli errori refrattivi non corretti, la principale causa curabile di cecità e disabilità visiva nel mondo

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy