Giugno 2022 - EyesON

Banche degli occhi, in 30 anni è cambiato tutto (in meglio)
Intervista a Diego Ponzin, Direttore Medico Fondazione Banca degli Occhi Veneto e neo Presidente della Società Italiana Banche degli Occhi

Un cambiamento radicale negli ultimi 30 anni. È quello avvenuto con le Banche degli occhi, realtà molto importanti nel nostro Paese.[…]

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti registrati. Effettua il login per visualizzare il contenuto.

Leggi anche

Perchè tutti dovrebbero dire di sì alla donazione delle cornee per i trapianti

L’intervento del Vicepresidente della Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare, Prof. Severino Fruscella

La donazione consente a una persona di vedere e la vista è il più importante tra i 5 sensi

Trapianto di cornea, l’innovazione passa per l’eye banking

Rinnovati i vertici SIBO: Diego Ponzin nuovo presidente della Società Italiana Banche degli Occhi

Il lavoro della banca degli occhi si è completamente rinnovato: l’operatore di eye banking è in prima linea nella rivoluzione delle tecniche del trapianto di cornea

Trapianto di cornea, da una soluzione unica a una selettiva e ‘personalizzata’

Intervista al Prof. Massimo Busin (Università di Ferrara)

Negli ultimi 20 anni si sono sviluppate tecniche di cheratoplastica selettiva, per cui della cornea si sostituisce solo la parte malata

Cornea, trapiantando solo la parte malata meno rigetti e complicanze

I trapianti lamellari rappresentano la principale innovazione

Le Banche degli Occhi: donare per ricevere

Intervista doppia alla Dott.ssa Paola Bonci (Banca degli Occhi Emilia Romagna) ed alla Dott.ssa Rossella Colabelli Gisoldi (Banca degli Occhi Lazio)

Le Banche degli Occhi nascono con la finalità di raccogliere, processare, conservare e distribuire i tessuti oculari a scopo di trapianto

La pandemia ha messo a dura prova il sistema delle Banche degli occhi

La Dott.ssa Paola Bonci, responsabile Banca delle Cornee dell’Emilia Romagna: “Serve campagna di sensibilizzazione sulle donazioni”

Dal pre Covid al post Covid il calo delle donazioni è stato quantificato nel 30%

Chirurgia della Cornea e superficie oculare: i maggiori esperti in confronto a Verona

La parola al Prof. Giorgo Marchini, con le anticipazioni sul XXVI Congresso Nazionale della Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare (17 – 19 Febbraio)

Il Prof. Giorgio Marchini illustra le novità e i temi di questa edizione

“La vista è un diritto”: per AMOA il Natale è solidale

L’impegno nei paesi africani tra variante omicron e carenza di vaccini

Un segnale forte, concreto. Verso l’Africa e in Italia

Covid: il trapianto di cornea è sicuro, anche grazie alle Banche degli Occhi

Interviene il Vice Presidente della Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare Severino Fruscella

I dati scientifici suggeriscono che il rischio di trasmissione di COVID-19 attraverso il trapianto di cornea è basso

Un microago biodegradabile per portare farmaci all’interno dell’occhio

Un nuovo microago autobloccante e biodegradabile per l’iniezione di sostanze terapeutiche negli occhi, che potenzialmente risolve una delle principali sfide del trattamento delle malattie degli occhi: la somministrazione accurata di farmaci terapeutici alla retina, proteggendo al contempo da possibili complicazioni nel sito di iniezione.
È quello sviluppato dal Terasaki Institute for Biomedical Innovation, il cui funzionamento viene descritto sulla rivista Advanced Healthcare Materials.

La ricerca mostra prove precliniche che questo innovativo microago biodegradabile, rivestito con un farmaco terapeutico da rilasciare al momento dell’inserimento nel bulbo oculare, può anche essere dotato di uno speciale idrogel che sigilla contemporaneamente il foro di inserimento. Inoltre, il microago autobloccante può essere fabbricato con aghi di diverse lunghezze, in modo che le terapie possano essere mirate con precisione e disperse nei tessuti retinici o in altre aree all’interno del bulbo oculare. Alcune forme di retinopatia possono essere trattate mediante l’iniezione di farmaci nel bulbo oculare utilizzando siringhe e aghi ipodermici. In questa procedura, i farmaci iniettati si diffondono attraverso il fluido all’interno del bulbo oculare per raggiungere il sito danneggiato. In molti casi, sono necessarie più iniezioni per un periodo di tempo prolungato per proteggere la loro vista. Oltre a rappresentare un problema per i pazienti, questo regime introduce il rischio di infezione batterica nel sito di prelievo dell’ago. Può anche rappresentare un rischio per le cellule tumorali fluttuanti negli occhi malati di sfuggire attraverso i fori di puntura e migrare verso altri siti.

Per evitare questi problemi, sono stati tentati aghi impiantabili per la somministrazione di farmaci; tuttavia, le difficoltà meccaniche e la navigazione attraverso il fluido viscoso nel bulbo oculare hanno ostacolato il posizionamento accurato dell’ago e rappresentano un ulteriore rischio di danno retinico. Altri approcci prevedono tappi polimerici per chiudere i fori lasciati dagli aghi ipodermici, ma ciò comporta un passaggio separato e un intervallo di tempo dopo l’iniezione.

Leggi anche

Un sacco a pelo hi-tech per gli occhi degli astronauti

Lo Spazio rimodella i bulbi oculari creando temporanei problemi di vista

Sans, la sindrome neuro-oculare associata al volo spaziale

Retinopatia del prematuro, ok di Aifa alla rimborsabilità della prima terapia farmacologica

AIFA, l’Agenzia Italiana del Farmaco, ha dato il via libera alla rimborsabilità della prima terapia...

Reni a rischio, anche gli occhi possono soffrire

I pazienti nefropatici possono essere più soggetti a sviluppare patologie oculari

Come si esegue l’esoftalmometria

Il video-tutorial mostra come si esegue l’esoftalmometria. Questo esame, non invasivo ed indolore, viene...

FAQ – Malattie della Retina

L’oculista mi ha diagnosticato una retinopatia. Che vuol dire?

Prenota la tua visita gratuita

“Vista in Salute” è un’iniziativa di IAPB Italia Onlus che propone controlli oculistici gratuiti per la...

Congresso S.I.GLA. 2022, un successo annunciato!

Si è concluso con successo a Napoli il XVIII Congresso Nazionale della Società Italiana Glaucoma (S.I.GLA.).
Al microfono di EyesON le voci dei partecipanti.

[Video editing: Alessandra De Vita]

Leggi anche

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

Una nuova opzione diagnostica per l’uveite

Testata a Bonn tecnologia italiana

I ricercatori hanno testato una nuova opzione diagnostica che aiuta ad anticipare la diagnosi

Uveite, una malattia complessa per cui è meglio preferire centri specializzati

L’intervento della Prof.ssa Elisabetta Miserocchi (Università Vita Salute, San Raffaele, Milano)

La diagnosi di uveite è estremamente complessa da fare

Chirurgia del glaucoma vs della cataratta

Il confronto tra gli esperti Carlo Cagini (Università di Perugia) e Vittorio Picardo (Coordinatore Scientifico di EyesON)

Non è una sfida tra le due in cui una esclude l’altra

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Il glaucoma non compromette la funzione cognitiva

Una ricerca americana ha stabilito che qualsiasi associazione tra le due potrebbe essere debole o del tutto assente

Perlomeno fino al punto in cui la malattia non compromette in maniera molto importante la vista

Chirurgia refrattiva, lo scopo è raggiungere l’autonomia visiva

Intervista al Prof. Giovanni Alessio, Vice Presidente vicario dell’Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva (AICCER)

La chirurgia refrattiva ha come scopo quello di correggere i difetti di vista, qualcosa che è molto più complesso di ciò che si potrebbe aspettare

La formazione dello specializzando in oftalmologia

Approfondimento del Prof. Michele Figus, Direttore della Scuola di Specializzazione in Oftalmologia presso l’Università di Pisa

L’attività di formazione di uno specializzando in oftalmologia è complessa e molto stimolante

La live surgery dietro le quinte
Di Mario Sbordone, Direttore di Oculistica dell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli (NA)

Parma, giugno 2021, cena di gala per l’edizione annuale del Congresso SIGLA: a fine serata vidi avanzare verso di me il Presidente Stefano Gandolfi e l’amico di sempre Lucio Zeppa, che mi presero sotto braccio e mi comunicarono il loro desiderio di affidarmi l’organizzazione e l’ospitalità della Live Surgery per l’edizione 2022, che si sarebbe tenuta a Napoli dal 16 al 18 giugno.

Era una splendida lusinga, ringraziai e diventai rosso per l’emozione, e senza esitare accettai all’istante, ricevendo poche, ma importanti indicazioni: sarebbero stati quattro interventi che avrebbero interpretato la filtrante anteriore e posteriore con spirito di innovazione, adoperando device di ultima e penultima generazione, introdotti da relazioni affidate a nomi che da anni guidano scuole universitarie e ospedaliere di grande prestigio in ambito glaucoma, ed eseguiti con dovizia di argomentazioni live da 4 chirurghi di più recente formazione, pienamente coinvolti nello sviluppo di queste tecniche: si parlava di Michele Figus, Angelo Balestrazzi, Gian Luca Laffi e del sottoscritto.

Smaltita l’euforia, però, arrivarono subito mille interrogativi: è vero, ho organizzato tante live surgery sulla Faco, l’anno scorso anche sul glaucoma per un evento regionale, ma qui è diverso: qui si “PARRÁ LA MIA NOBILITATE” di fronte ad una platea nazionale, con un confronto generazionale molto impegnativo e con dei contenuti tecnico-organizzativi di alto livello (dalla trasmissione via satellite alle indicazioni dei singoli pazienti a ciascun device).

Riuscirò ad essere all’altezza del compito che mi è stato affidato?
Qualche notte insonne mi portò dei buoni consigli e piano piano cominciai a dipanare il bandolo della matassa sulle diverse criticità.

  • Le tempistiche: i candidati a chirurgia del glaucoma purtroppo non possono essere reclutati troppo tempo prima dell’intervento, pena naturalmente un progredire del loro danno campimetrico, quindi col mio staff fu deciso che avremmo iniziato la scelta dei pazienti partendo da quelli giunti alla nostra osservazione non prima di febbraio 2022, così da far passare il minor tempo possibile tra la selezione e la chirurgia. Fu deciso anche di non candidare per il 17 giugno pazienti che avrebbero dovuto prolungare eccessivamente o addirittura incrementare il carico di colliri in attesa dell’intervento, operandoli ovviamente prima di quella data.
  • La selezione: sappiamo tutti che le filtranti con impianto di device vengono eseguite con maggior serenità su pazienti pseudofachici, e fu questa un’altra importante indicazione ad eseguire su qualche buon candidato fachico con opacità del cristallino, una FACO IOL entro la metà del mese di maggio. Andavano poi scartati pazienti con angolo camerulare di apertura insufficiente. Ancora, andavano attentamente esaminate le condizioni della congiuntiva, danneggiata spesso dalle terapie locali: i tessuti più malandati costituivano criteri di esclusione dal reclutamento mentre per i casi di OSD di grado medio, si stabilì di apportare opportune modifiche alla terapia ipotonizzante ove possibile (spesso sostituendo colliri con acetazolamide per os o eseguendo SLT) e migliorare comunque lo stato della superficie oculare con antinfiammatori e lubrificanti in collirio e/o termoterapie del bordo palpebrale ove necessario, sperando alla fine di poter includere quel paziente negli eleggibili alla chirurgia. E ancora, non bisognava trascurare il fatto che i vari dispositivi che avremmo impiantato hanno precise indicazioni e vanno dedicati ciascuno di essi a casi ben individuati di gravità del danno, nel senso che non avremmo mai potuto impiantare uno XEN ad un caso di glaucoma secondario da PDMS, tanto per intenderci.
  • La psicologia del paziente (e dei familiari): sappiamo perfettamente che, se un paziente si rivolge al reparto diretto da te che sei persona di dimostrata competenza in chirurgia del glaucoma, non accetterà facilmente di essere affidato alle cure di un estraneo.
    Chi come me ha già organizzato sedute di live surgery, sa di certo che questo è uno dei momenti più complicati della cascata organizzativa.
    Ma quando si tratta di chirurgia del glaucoma, dove non si promette alcun recupero funzionale, dove non si riesce mai a far capire esaurientemente al paziente finalità e tecnica chirurgica (specie coi devices), dove la cattiva informazione fornita dai media e da specialisti non chirurghi ha inculcato nei pazienti una grande paura per questo tipo di interventi… ebbene comunicare alla fine al nostro paziente (che hai dovuto convincere con lentezza e fatica) che non sarai tu ad eseguire il suo intervento, può costare la fine del rapporto fiduciario tra te e lui.
    Si stabilì quindi coi miei collaboratori che tutti i pazienti reclutati come possibili candidati, avrebbero dovuto sottoporsi ad un approfondito colloquio col sottoscritto alla presenza dei loro familiari, incontro finalizzato soprattutto ad illustrare ampiamente le autorevoli figure professionali dei chirurghi che sarebbero intervenuti e delle loro competenze di eccellenza nello specifico settore. Questo approccio si sarebbe poi perfezionato nel momento in cui il chirurgo affidatario si sarebbe presentato al paziente per l’esame della cartella clinica ed il passaggio alla lampada a fessura, naturalmente in mia presenza.

Tutto quello che vi ho raccontato finora sulla selezione e preparazione dei casi chirurgici potrà farvi capire per quale motivo, dal primo febbraio 2022 sulla mia scrivania saranno passate un centinaio di cartelle cliniche, ma i pazienti idonei al reclutamento dedicato al nostro evento sono rimaste alla fine soltanto 6, quattro operati in diretta e due cosiddetti “riserve”, quei pazienti che cioè potevano essere chiamati per sostituire un paziente che non si fosse presentato per un qualunque tipo di problema, e che sarebbero stati operati poi nel pomeriggio lontano dai riflettori del palcoscenico congressuale.

E già, perché non dobbiamo dimenticare che di questi tempi gravava sulla nostra organizzazione un’ombra molto fosca: il COVID!!
Quanti di noi nel corso di questi ultimi due anni hanno dovuto cancellare dalle liste operatorie quei pazienti che 24-48 ore prima si sottoponevano al tampone obbligatorio e risultavano positivi?
Vi confesso che il mio più grande terrore è stato questo, e mi sono tranquillizzato soltanto quando i nostri quattro pazienti sono entrati in sala operatoria con la vena incannulata.

In ultimo vorrei parlarvi degli imprevisti, purtroppo inevitabili.

La ditta a cui fu commissionata la trasmissione via satellite degli interventi dal complesso operatorio alla sala congressi, correttamente eseguì un sopralluogo tecnico un paio di mesi prima e prese accordi col settore tecnologico della mia ASL per ottenere tutti i permessi e predisporre tutta la tecnologia necessaria.

Purtroppo, soltanto il giorno prima accadde che dopo aver selezionato in zona Cesarini come “migliore possibile per la trasmissione” un’area dell’ospedale purtroppo cantierata dove far sostare il furgone con la parabola satellitare, ci costrinse ad un incredibile tour de force per ottenere quest’ultimo permesso (il più problematico) e per ottenere alle ore 18 del giovedì un cavo di alimentazione con un amperaggio non standard, ma indispensabile per il funzionamento della parabola.

E in ultimo, l’imprevisto “mea culpa”: mi era sfuggito il fatto che il sabato mattina alle 9, cioè il giorno successivo alla chirurgia, il programma prevedeva la presentazione dei casi come arrivavano al controllo del giorno dopo.

Quando l’insostituibile Vittorio Picardo a fine serata mi chiese: come ti sei organizzato per trasmettere il resoconto dei controlli di domani? io caddi dalle nuvole e dalla sedia.

Ma, grazie ai miei meravigliosi collaboratori, l’indomani mattina alle otto in punto medicammo, fotografammo e preparammo in tutta fretta un power point con le immagini e i commenti per ogni paziente, slide che inviammo per tempo alla preziosa segreteria scientifica di Jaka Congressi ed il problema fu risolto con soddisfazione dei presenti in aula.

Insomma, cosa dire in conclusione?
Sicuramente un grazie al Presidente e al Direttivo SIGLA che hanno voluto mettermi alla prova, credo, con risultati positivi, a giudicare dai complimenti affettuosi e sinceri che mi hanno rivolto, e grazie soprattutto perché attraverso questa prova hanno implementato la mia crescita professionale e umana, crescita che, si sa, non dovrebbe mai fermarsi.

Grazie ad una organizzazione tecnica e scientifica all’altezza degli eventi congressuali più importanti che possano apparire in cartellone.

Grazie al mio splendido staff, che non ha smesso mai di appoggiare il mio entusiasmo, tutti all’altezza della situazione e tutti sempre assai pazienti nei confronti del loro insopportabile BOSS e a tutto il personale del complesso operatorio, non ultimi i colleghi anestesisti.

Grazie agli uffici di Direzione Ospedaliera, l’ufficio Tecnico e quello di Tecnologie Informatiche sempre disponibili a collaborare per la realizzazione di un evento che ha messo in focus il nostro ospedale e la nostra ASL.

Grazie ai Colleghi chirurghi ed amici, Angelo, Michele e Gianluca, con cui si è consolidata ancora di più un’antica amicizia e grazie a Vittorio Picardo che, nel coordinare come nessun altro saprebbe fare il lavoro chirurgico coi commenti e le domande dall’auditorium, non manca mai di metterti a disposizione la sua esperienza ed i suoi preziosi suggerimenti.

Insomma: che fatica, cari colleghi… ma quante soddisfazioni!

Dott. Mario Sbordone

Di Mario Sbordone, Direttore di Oculistica dell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli (NA)

Glaucoma negli ambulatori territoriali, occorre sinergia tra tutte le categorie oculistiche
Strumenti vetusti o che mancano, l’appello della Dott.ssa Giulia Mandelli

Per una diagnosi di glaucoma e per seguire l’evoluzione della malattia occorrono strumenti specifici: spesso, specie a livello territoriale, mancano, sono vetusti o non viene fatta un’accurata manutenzione.

Lo evidenzia la Dott.ssa Giulia Mandelli, tra i relatori del XVIII Congresso Nazionale S.I.GLA..

Va poi rivista la tempistica delle visite, sia per quanto riguarda le tempistiche della visita stessa che per quanto riguarda invece le liste d’attesa che riguardano i pazienti con questa patologia. Negli ambulatori territoriali la gestione del paziente con glaucoma non è facile per Mandelli, che spiega che si è “abbandonati a se stessi, con degli strumenti carenti: c’è da rivedere quindi la situazione territoriale e questo può essere fatto solo grazie all’unione di tutte le categorie oculistiche”.

[Video editing: Alessandra De Vita]

Leggi anche

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

Glaucoma, il rischio aumenta se si sviluppano presto diabete o pressione alta

Diabete e pressione alta, specie se si manifestano in giovane età, possono essere campanelli d’allarme da non trascurare anche per la salute degli occhi

Uveite, una malattia complessa per cui è meglio preferire centri specializzati

L’intervento della Prof.ssa Elisabetta Miserocchi (Università Vita Salute, San Raffaele, Milano)

La diagnosi di uveite è estremamente complessa da fare

Chirurgia del glaucoma vs della cataratta

Il confronto tra gli esperti Carlo Cagini (Università di Perugia) e Vittorio Picardo (Coordinatore Scientifico di EyesON)

Non è una sfida tra le due in cui una esclude l’altra

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Il glaucoma non compromette la funzione cognitiva

Una ricerca americana ha stabilito che qualsiasi associazione tra le due potrebbe essere debole o del tutto assente

Perlomeno fino al punto in cui la malattia non compromette in maniera molto importante la vista

Malattie degli occhi nei neonati e bimbi piccoli, il percorso a tappe della prevenzione

Il Prof. Giorgio Marchini (Università di Verona): “Servono centri dedicati e controlli oltre che alla nascita a 2-3 anni”

Il mio bambino sarà in salute? È questa la domanda che ogni futuro genitore si pone al momento dell’approssimarsi della nascita del figlio

La formazione dello specializzando in oftalmologia

Approfondimento del Prof. Michele Figus, Direttore della Scuola di Specializzazione in Oftalmologia presso l’Università di Pisa

L’attività di formazione di uno specializzando in oftalmologia è complessa e molto stimolante

Chirurgia della cornea, si può trattare anche in ambulatorio

Il Prof. Alfonso Iovieno illustra quali patologie corneali si possono curare in anestesia locale

Certamente non tutta la chirurgia della cornea, ma una parte delle patologie corneali meno severe possono essere trattate con la chirurgia ambulatoriale

Cornea, dopo mani e piedi è la parte del corpo che più subisce traumi
Vito Romano (Università degli Studi di Brescia): “Va difesa nel modo giusto”

È qualcosa di prezioso da difendere: la cornea è la prima struttura dell’occhio, la parte più anteriore per posizione, e dopo le mani e i piedi è la parte del corpo che maggiormente subisce traumi.

Attività come la saldatura, tagliare l’erba in giardino, possono, se non c’è attenzione al benessere degli occhi, mettere a rischio gli occhi di trauma corneale. Per questo sono consigliati occhiali protettivi che sono di diversa natura: quelli che resistono al calore, a un impatto violento di un oggetto.
Lo spiega Vito Romano, U.O. Oculistica Spedali Civili di Brescia e Professore Associato presso l’Università degli Studi di Brescia.

Altro tema sono gli ausili per correggere un difetto refrattivo: per evitare che facciano più male che bene (l’esempio classico è il bimbo che gioca a calcio con gli occhiali che poi magari si rompono provocando un trauma) è importante identificare per ogni paziente il miglior ausilio per migliorare la vista (occhiali, lenti a contatto).

Leggi anche

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

Rientro a scuola: come proteggere gli occhi davanti al pc

La distanza e la posizione dello schermo sono importanti

La prevenzione non va in vacanza

La campagna di IAPB Italia onlus per proteggere gli occhi al mare e in montagna

Mare o montagna, proteggi i tuoi occhi e goditi i più bei panorami dell’estate

Chirurgia refrattiva, lo scopo è raggiungere l’autonomia visiva

Intervista al Prof. Giovanni Alessio, Vice Presidente vicario dell’Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva (AICCER)

La chirurgia refrattiva ha come scopo quello di correggere i difetti di vista, qualcosa che è molto più complesso di ciò che si potrebbe aspettare

Proteggere gli occhi in vacanza

Le indicazioni del Prof. Vincenzo Orfeo (Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva – AICCER)

Come possiamo prenderci cura dei nostri occhi dall’acqua salata del mare o dall’esposizione prolungata al sole

Le lenti Camellens, una piattaforma al servizio del paziente

Si tratta di un prodotto di nicchia, che potrebbe creare apparentemente problemi, ma che può invece risolverli se adoperata bene

TFOS, un punto di riferimento per gli specialisti anche durante la pandemia

Intervista ad Amy Gallant Sullivan, Direttore Esecutivo della Tear Film & Ocular Surface Society, su obiettivi e contenuti del prossimo Workshop in programma a Taormina (ME)

TFOS è leader mondiale nella ricerca e nell’istruzione in materia di salute degli occhi e lavora insieme ai professionisti sanitari di tutto il mondo

È sempre più ‘epide-miopia’ tra i bambini

Complici gli stili di vita, la vista dei giovanissimi è a rischio

La miopia è sempre più diffusa tra bambini e adolescenti, al punto che si parla di "epide-miopia"

Traumi oculari, cause e strategie utili

Le indicazioni della Dott.ssa Pia Leon (Ospedale Ss. Giovanni e Paolo di Venezia)

È importante che la cornea rimanga integra nella sua superficie, occhio alle pulizie e ai piccoli lavoretti di casa

Il glaucoma nel bambino: la sfida di una sinergia tra il medico e la famiglia

Una patologia delicata perché ad essere colpita è l’intera famiglia, coinvolta insieme al medico nella gestione del piccolo che spesso addirittura è un neonato.

Per Eyes ON Unplugged, direttamente dal congresso SIGLA, il Dott. Roberto Caputo (Ospedale Mayer Firenze) ed il Prof. Paolo Nucci (Università di Milano) discutono di come affrontare la malattia, delle opzioni chirurgiche e del percorso post-operatorio.

[Video editing: Alessandra De Vita]

Leggi anche

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

Rientro a scuola: come proteggere gli occhi davanti al pc

La distanza e la posizione dello schermo sono importanti

Una nuova opzione diagnostica per l’uveite

Testata a Bonn tecnologia italiana

I ricercatori hanno testato una nuova opzione diagnostica che aiuta ad anticipare la diagnosi

Uveite, una malattia complessa per cui è meglio preferire centri specializzati

L’intervento della Prof.ssa Elisabetta Miserocchi (Università Vita Salute, San Raffaele, Milano)

La diagnosi di uveite è estremamente complessa da fare

Chirurgia del glaucoma vs della cataratta

Il confronto tra gli esperti Carlo Cagini (Università di Perugia) e Vittorio Picardo (Coordinatore Scientifico di EyesON)

Non è una sfida tra le due in cui una esclude l’altra

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Il glaucoma non compromette la funzione cognitiva

Una ricerca americana ha stabilito che qualsiasi associazione tra le due potrebbe essere debole o del tutto assente

Perlomeno fino al punto in cui la malattia non compromette in maniera molto importante la vista

Chirurgia refrattiva, lo scopo è raggiungere l’autonomia visiva

Intervista al Prof. Giovanni Alessio, Vice Presidente vicario dell’Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva (AICCER)

La chirurgia refrattiva ha come scopo quello di correggere i difetti di vista, qualcosa che è molto più complesso di ciò che si potrebbe aspettare

Il glaucoma, una patologia che si può gestire in ambulatorio
Al via a Napoli il XVIII Congresso S.I.GLA., ecco un estratto della prima giornata

Si è aperto oggi a Napoli il XVIII Congresso S.I.GLA., Società Italiana Glaucoma.

EyesOn, al Congresso nella sua versione ‘Unplugged’ è in grado di darvi già un’anteprima dei contenuti trattati.
Nel video alcuni dei primi relatori e il Presidente S.I.GLA., Stefano Gandolfi.

[Video editing: Alessandra De Vita]

Leggi anche

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

Una nuova opzione diagnostica per l’uveite

Testata a Bonn tecnologia italiana

I ricercatori hanno testato una nuova opzione diagnostica che aiuta ad anticipare la diagnosi

Uveite, una malattia complessa per cui è meglio preferire centri specializzati

L’intervento della Prof.ssa Elisabetta Miserocchi (Università Vita Salute, San Raffaele, Milano)

La diagnosi di uveite è estremamente complessa da fare

Chirurgia del glaucoma vs della cataratta

Il confronto tra gli esperti Carlo Cagini (Università di Perugia) e Vittorio Picardo (Coordinatore Scientifico di EyesON)

Non è una sfida tra le due in cui una esclude l’altra

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Il glaucoma non compromette la funzione cognitiva

Una ricerca americana ha stabilito che qualsiasi associazione tra le due potrebbe essere debole o del tutto assente

Perlomeno fino al punto in cui la malattia non compromette in maniera molto importante la vista

La formazione dello specializzando in oftalmologia

Approfondimento del Prof. Michele Figus, Direttore della Scuola di Specializzazione in Oftalmologia presso l’Università di Pisa

L’attività di formazione di uno specializzando in oftalmologia è complessa e molto stimolante

Impianto di Xen 45 ab-esterno transcongiuntivale: efficacia e sicurezza di una nuova tecnica chirurgica

Valutare l’efficacia e la sicurezza dell’impianto di Xen 45 con una nuova tecnica ab-esterno transcongiuntivale

Pressione o compressione? Alcune considerazioni cliniche riguardanti glaucoma e neuropatia ottica compressiva

Il glaucoma è la neuropatia ottica più frequente in assoluto nonché una delle principali cause di cecità nel mondo

Glaucoma, i maggiori esperti riuniti a Napoli

Dinamico e smart, a Napoli il Congresso della Società Italiana Glaucoma (S.I.GLA.)
Costagliola e Zeppa: Le ultime novità in campo scientifico discusse dai principali specialisti di glaucoma in Italia

Dinamico, interattivo, improntato alle ultime novità in campo scientifico discusse dai principali specialisti di glaucoma in Italia.
Sbarca a Napoli, presso la Stazione Marittima, il XVIII Congresso Nazionale della Società italiana Glaucoma (S.I.GLA.), dal 16 al 18 giugno.

Manca poco a questo appuntamento, che verterà su due grandi aree: la parte chirurgica e quella prechirurgica, quindi più prettamente medica. A raccontare i temi del congresso sono i due Organizzatori, il Prof. Ciro Costagliola, membro del Comitato scientifico di Sigla, e il Dott. Lucio Zeppa, consigliere Sigla.

Uno dei topic di rilievo che verranno trattati è il ruolo della medicina territoriale, la cui importanza è emersa in particolare in questo periodo di Covid, e con cui una sinergia con gli specialisti è essenziale in una patologia cronica come il glaucoma. Senza trascurare la chirurgia mininvasiva, a cavallo tra le due macroaree chirurgica e medica.

Leggi anche

Il glaucoma e le analogie con l’Alzheimer, una spinta per lo studio di nuove terapie

Il Professor Maurizio Uva (Università di Catania) sottolinea l’importanza della diagnosi precoce

L’intervento di cataratta, mininvasivo e sicuro

La Dottoressa Maria Trinchi (Ospedale San Carlo, Roma): “La visione si riacquista in poco tempo”

Il nervo ottico, una finestra sul cervello

A Roma il Congresso Neuro-Roma 2022

Dallo studio del nervo ottico alla diagnosi precoce di molte malattie neurologiche

Uveite, una malattia complessa per cui è meglio preferire centri specializzati

L’intervento della Prof.ssa Elisabetta Miserocchi (Università Vita Salute, San Raffaele, Milano)

La diagnosi di uveite è estremamente complessa da fare

Chirurgia del glaucoma vs della cataratta

Il confronto tra gli esperti Carlo Cagini (Università di Perugia) e Vittorio Picardo (Coordinatore Scientifico di EyesON)

Non è una sfida tra le due in cui una esclude l’altra

Il glaucoma pseudo-esfoliativo e le sue particolarità

Topouzis (Presidente European Glaucoma Society): “È un tipo di glaucoma che richiede un intervento importante e tempestivo”, Gandolfi (Presidente Società Italiana Glaucoma): “Va trattato diversamente”

Il parere dei due esperti

Chirurgia refrattiva, lo scopo è raggiungere l’autonomia visiva

Intervista al Prof. Giovanni Alessio, Vice Presidente vicario dell’Associazione Italiana di Chirurgia della Cataratta e Refrattiva (AICCER)

La chirurgia refrattiva ha come scopo quello di correggere i difetti di vista, qualcosa che è molto più complesso di ciò che si potrebbe aspettare

La formazione dello specializzando in oftalmologia

Approfondimento del Prof. Michele Figus, Direttore della Scuola di Specializzazione in Oftalmologia presso l’Università di Pisa

L’attività di formazione di uno specializzando in oftalmologia è complessa e molto stimolante

Sequential customized therapeutic keratectomy

Un nuovo approccio per ottimizzare la chirurgia della cataratta

La SCTK è una recente evoluzione della PTK. Utilizza un approccio transepiteliale e personalizzato sul paziente per trattare aberrazioni corneali di alto ordine

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy