L’obesità è legata a un maggior rischio di degenerazione maculare - EyesON
MALATTIE DELLA RETINA

L’obesità è legata a un maggior rischio di degenerazione maculare

Lo rivela una ricerca pubblicata su Science

I fattori di stress come l’obesità riprogrammano le cellule del sistema immunitario e, con l’invecchiamento, le rendono distruttive per gli occhi.

Ad evidenziarlo è una ricerca dell’Hôpital Maisonneuve-Rosement, a Montreal, in Canada, pubblicata sulla rivista Science.

“Sebbene sia stato investito un notevole sforzo per comprendere i geni responsabili della patologia definita come degenerazione maculare legata all’età spiega il professor Przemyslaw (Mike) Sapieha, che ha guidato lo studio – le variazioni e le mutazioni nei geni di suscettibilità aumentano solo il rischio di sviluppare la malattia, ma non la causano. Questa osservazione suggerisce che dobbiamo acquisire una migliore comprensione di come altri fattori come l’ambiente e lo stile di vita contribuiscano allo sviluppo della malattia”.

È già noto che il sistema immunitario negli occhi di una persona con degenerazione maculare legata all’età diventa disregolato. Normalmente, le cellule immunitarie mantengono l’occhio sano, ma il contatto con agenti patogeni come batteri e virus può far degenerare questo processo.

Nel loro studio, i ricercatori hanno utilizzato l’obesità come modello per accelerare ed esagerare i fattori di stress vissuti dal corpo nel corso della vita.

Hanno scoperto che l’obesità transitoria o una storia prolungata di obesità portano a cambiamenti persistenti nell’architettura del DNA all’interno delle cellule immunitarie, rendendole più suscettibili alla produzione di molecole infiammatorie.

Leggi anche

I trend e le novità dell’eyewear in anteprima al MIDO

Dal 4 al 6 Febbraio in programma a Fieramilano la più grande manifestazione del settore

Il luogo ideale dove approfondire le novità e le tendenze nel settore eyewear

L’occhio secco mette a rischio la cornea

Uno studio sui topi identifica geni e proteine che potrebbero essere bersagli per la terapia

Le persone con una condizione nota come malattia dell'occhio secco hanno maggiori probabilità di quelle con occhi sani di subire lesioni alla cornea

Le risoluzioni per il Nuovo Anno, in cima la cura degli occhi

Ecco dei consigli utili che arrivano da ACE High-Quality Eye Care, organizzazione no-profit del Regno Unito

Troppo alcol e cibo durante le Feste, gli occhi sono da proteggere

Lo spiega il professor Gianluca Scuderi, Ordinario di Oftalmologia e Membro della Società Italiana di Nutraceutica

A stare più attenti devono essere coloro che hanno il diabete o altre patologie sistemiche

Glaucoma, smettere di fumare sul lungo termine riduce il rischio di danni

Lo dimostra una ricerca pubblicata sul Journal of Glaucoma

Smettere di fumare tempestivamente riduce i rischi di progressione dei danni al campo visivo

La degenerazione maculare è legata ad alcune malattie cardiache

Lo rileva uno studio del Mount Sinai Hospital

I risultati potrebbero contribuire a migliorare lo screening per salvare la vista e prevenire eventi cardiovascolari avversi

Nel mondo 200 milioni di persone con degenerazione maculare, i nutraceutici utili specie nella forma ‘secca’

Ritardano l’insorgenza della maculopatia, ne rallentano la progressione e ne riducono gli effetti degenerativi di tipo funzionale

Fa il punto la Dottoressa Martina Maceroni, Fondazione Policlinico A. Gemelli di Roma

Un sonno di scarsa qualità aumenta il rischio di glaucoma

Lo rileva una ricerca guidata dal Beijing Huimin Hospital, in Cina, pubblicata sulla rivista scientifica Bmj Open

I nutraceutici, sempre più centrali nel mantenimento della salute anche in campo oculistico

No al fai-da-te, occorre seguire sempre il parere di uno specialista

Il punto con il Professor Gianluca Scuderi (Azienda Ospedaliera Sant’Andrea, Roma), organizzatore del Congresso "Nutraceutica e Occhio"

Previous ArticleNext Article

Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy


Si, voglio ricevere EyesLetter

 

 

Ho preso visione e accetto la Privacy Policy

Condividi via mail questo articolo